Cannes, i premi.


Il Premio per la Migliore Interpretazione Maschile della 67esima edizione del Festival del Cinema di Cannes è stato assegnato all’attore inglese Timothy Spall, protagonista del film di Mike Leigh “Mr. Turner”.

mia-wasikowska-e-julianne-mooreJulianne Moore per il film Maps to the Stars di David Cronenberg ha vinto il premio per la migliore interpretazione femminile.

Il premio della Giuria va ex aequo a Mommy di Xavier Dolan e ad Adieu au langage di Jean-Luc Godard.

I russi Andrey Zvyagintsev e Oleg Negin hanno conquistato il premio come migliore sceneggiatore per il film Leviathan. Zvyagintsev è anche regista dell’opera.

Bennett Miller per il film Foxcatcher ha vinto il premio per la migliore regia.

Camera d’or a Party Girl di Marie Amachoukeli, Claire Burger e Samuel Theis.

Palma d’oro al cortometraggio Leidi di Simon Mesa Soto.

Menzione speciale ex aequo per Aissa di Clement Trehin-Lalanne e Yes we love di Hallvar Witzo.alice

Il film Le meraviglie di Alice Rohrwacher ha vinto il Grand Prix, il secondo premio per importanza di Cannes.

Winter Sleep Photocall - 67th Cannes Film FestivalPalma d’oro al turco “Winter sleep” di Nuri Bilge Ceylan. Il regista ha ricevuto il premio dalle mani di Uma Thurman e Quentin Tarantino, vincitore a sua volta, 20 anni fa, del Premio con ‘Pulp Fiction’.

‘Winter Sleep’, che figurava tra i favoriti di questa edizione, aveva già ricevuto venerdì il premio della Critica Internazionale Fipresci. Un dramma familiare che affronta, contemporaneamente, i problemi scottanti della Turchia attuale. Erano anni che Ceylan ‘girava intorno’ alle porte di questo prestigioso premio. Con ‘Uzak’ (2003), il suo primo cortometraggio presentato in concorso a Cannes, aveva vinto il Gran Premio della Giuria.

Con ‘Three Monkeys’ nel 2008 era stato proclamato Miglior Regista e nella sua ultima partecipazione , con ‘Once Upon a Time in Anatolia’ nel 2011, era tornato ad alzare la coppa del Gran Premio della Giuria. La pellicola è il secondo film turco che guadagna la Palma d’Oro dopo il premio che vinse Yilmaz Guney nel 1982 per ‘Yol’.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi