Il giorno di Tarantino.

Quentin Tarantino è arrivato sulla Croisette di Cannes. Questa sera verrà presentato, al cinema della spiaggia, unico film a essere proiettato in 35 mm. per espressa volontà del regista, Pulp Fiction a vent’anni esatti dalla Palma d’oro che lo consacrò. pulp fiction

Domani, invece, il Festival di Cannes si chiuderà con la proiezione del restauro realizzato dalla Cineteca di Bologna del capolavoro di Sergio Leone ‘Per un pugno di dollari di Sergio Leone’. A introdurlo sarà proprio Quentin Tarantino.

“Le proiezioni in digitale sono la morte del cinema – ha affermato Tarantino nell’incontro con la stampa -. Perché qualcuno dovrebbe prendersi la briga di prendere la macchina e andare in sala per vedere qualcosa esattamente come la può vedere a casa sua in televisione? Sono convinto però che dopo questa generazione digitale senza speranza, la prossima tornerà ad apprezzare la pellicola come sta accadendo dopo vent’anni con la musica… come è tornato l’amore per il vinile tornerà quello per il 35 mm. Di tutta la questione digitale c’è solo un aspetto positivo: la democratizzazione del cinema. Oggi qualunque ragazzo con tenacia e un cellulare può fare un film, ai miei tempi procurarsi il 16 mm era come scalare l’Everest”.

Tarantino2Il restauro di ‘Per un pugno di dollari’ segna il culmine di un percorso, all’interno di un festival che Sergio Leone amava molto. “Non siamo qui a festeggiare i 50 anni dalla nascita dello Spaghetti Western – ha confermato Quentin Tarantino -, ma la nascita del cinema d’azione. Il film di Leone, infatti, è stato il primo ad essere montato sulla musica. L’influenza di Leone è arrivata fino a MTV. Ogni tanto proietto a casa mia, per la gioia dei miei amici e della mia troupe, Il buono, il brutto e il cattivo che io ho visto quando avevo tre o quattro anni”.

“Non so dire se le mie origini italiane abbiano influenzato il mio gusto – ha concluso il regista -, chissà. Non sono cresciuto in una famiglia alla Sopranos, anche se forse è il mio dna che mi ha fatto innamorare del cinema italiano”.

Ma la notizia del giorno è che Quentin Tarantino resuscita ‘The Hateful Eight’, il film ‘cestinato’ dopo la diffusione della sceneggiatura sul web. Il regista ha spiegato di essersi “calmato”, dopo aver scoperto che era stato violato l’alone di mistero che circonda ogni suo film. “Esattamente non so cosa farò, lo sto scrivendo, sto terminando la seconda bozza e dopo ne farò un’altra”, ha raccontato, “non vado di fretta e forse girerò il film, lo pubblicherò o lo porterò a teatro, probabilmente farò tutte e tre le cose… vedremo”. Il regista a gennaio aveva cancellato le riprese del film dopo la diffusione delle 146 pagine della sceneggiatura su un sito di gossip.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi