‘Alice nella città’ cresce con l’età del pubblico.

“Il pubblico di Alice nella città cresce con noi”, per questo i film della selezione autonoma e parallela della Festa del Cinema di Roma, giunta al suo tredicesimo anno, sono stati più apprezzati anche dagli “adulti”, secondo i suoi curatori Gianluca Giannelli e Fabia Bettini, che hanno presentato il bilancio dell’edizione 2015. “L’evoluzione naturale di Alice nella città – afferma Fabia Bettini – ci ha portato a inserire film di qualità anche per un pubblico non prettamente giovanile e al di fuori dell’Auditorium Parco della Musica”.

Alice, quindi, non è solo per i piccoli, ma diventa una sezione apprezzata per la sua qualità anche dai grandi e i titoli presentati, sia nella selezione ufficiale che fuori competizione, dimostrano questa nuova politica molto gettonata dai giornalisti e dai critici accreditati, che hanno partecipato numerosi alle proiezioni (negli scorsi anni affollate quasi solo da ragazzini).

E la scelta effettuata dagli organizzatori è stata ripagata dal bilancio in costante crescita per la settimana di programmazione (dal 16 al 23 ottobre).

“Oltre 32.035 presenze totali, tra pubblico e accreditati – afferma Gianluca Giannelli -, registrando un incremento del 14% rispetto al bilancio finale dello scorso anno: le presenze registrate a oggi per le proiezioni dei film (Concorso, Fuori Concorso, Eventi speciali, Alice/Panorama), divise fra biglietti emessi 16.500 e accreditati 8.300. A questo ultimo dato si aggiungono le 7.235 presenze registrate per tutte le attività collaterali aperte al pubblico a ingresso gratuito, fra quelle che si sono svolte a Casa Alice e quelle legate al programma della sezione Panorama al cinema Avorio e al cinema Aquila (Pigneto)”.

In questo quadriennio Alice nella Città ha registrato una crescita progressiva costante: 2011-2012, +10%; 2012-2013, +15%; 2014, +25%; 2015, +14% (nonostante la mancanza della disponibilità della sala Santa Cecilia).

paul weitzIl programma globale della XIII edizione di Alice nella Città comprende 41 proiezioni, di cui 13 di film del concorso, 3 film fuori concorso, 4 film evento speciale (di questi, 3 lungometraggi sono stati presentati in collaborazione con la Festa del Cinema di Roma); 2 masterclass (con Cèline Sciamma, Paul Weitz), 3 eventi della linea Frame. Inoltre la sezione Panorama, programmata al Pigneto ha proposto 21 fra film, corti, mediometraggi e documentari nelle sale del Pigneto (cinema Avorio e cinema Aquila) 2 eventi speciali (in collaborazione con Emergency).

Il numero di slot (totale delle proiezioni) ammonta a 65: fra Auditorium, Pigneto (cinema Avorio e cinema Aquila) e sale esterne (Eden, Alcazar, Cineland, Andromeda) dato che contempla esclusivamente le proiezioni a cui il pubblico ha avuto accesso; escluse, quindi, le proiezioni anticipate destinate alla stampa.

panIl programma di Alice nella città è ancora in corso, mancano all’appello 13 proiezioni che si svolgeranno all’Auditorium Parco della Musica e 5 nei cinema di Roma (Eden, Alcazar, Cineland, Andromeda). Le proiezioni dei film di Alice nella città si chiuderanno domenica 25 al cinema Cineland di Ostia con la proiezione (alle ore 15:30) del film di animazione, presentato in collaborazione con la Festa del Cinema di Roma, “Il piccolo principe” di Mark Osborne e (alle h. 18:00) con la proiezione del film “Alias Maria” di José Luis Rugeles Gracia.

Molto positivo anche il bilancio della collaborazione fra Alice nella Città e la scuola IED (Istituto Europeo di Design): 31 studenti coinvolti ogni giorno hanno realizzato 40 contributi video sugli eventi di Alice nella Città, pubblicati sul web. 50 giovani ex-giurati di Alice nella città hanno seguito le proiezioni della sezione e ne hanno scritto su blog e siti internet. Alice nella città dunque, non solo momento di svago ma anche di formazione.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi