25 anni di Nathan Never e di internet.

È il giugno del 1991. I Queen hanno da poco dato alla luce Innuendo, il loro ultimo album con Freddie Mercury, Il Silenzio degli Innocenti con Anthony Hopkins ha terrorizzato il pubblico del cinema e, soprattutto, Tim Berners-Lee, ricercatore del Cern, sta per annunciare al mondo la soluzione al problema di come condividere i documenti tra studiosi grazie a un software basato sul concetto di ipertesto che lui stesso battezza come World Wide Web: il sito che mette in rete è il primo della storia e inaugura ufficialmente l’era di internet. È in questo 1991 rivoluzionario che, 25 anni fa, arrivava in edicola il primo numero di Nathan Never, la prima serie di fantascienza di Sergio Bonelli Editore ideata da Michele Medda, Antonio Serra e Bepi Vigna e subito amatissima dai lettori, primi tra tutti quelli che sono rimasti conquistati dal Blade Runner di Ridley Scott. Come spiegano gli autori, del resto, Nathan Never racconta un viaggio nel tempo dove, partendo dai ricordi, si va incontro al sogno.

Visioni Futuro Remoto“Molti personaggi dei fumetti vivono spesso un eterno presente, ma per Nathan Never non è mai stato così. Fin da subito, io e i miei colleghi – afferma Bepi Vigna, uno dei creatori del fumetto – decidemmo che nelle storie del nostro personaggio la freccia del tempo si sarebbe potuta indirizzare sia sui giorni trascorsi, sia su quelli a venire. Ci saremmo concessi abbondanti salti dentro i ricordi dei personaggi e prolessi narrative che avrebbero anticipato accadimenti futuri. Eravamo convinti che proprio questa possibilità di spaziare potesse diventare uno degli elementi chiave delle avventure che ci accingevamo a scrivere”.

Oggi l’Agente Speciale Alfa non ha bisogno di presentazioni. Eppure vale la pena, come in ogni celebrazione che si rispetti, ripartire da principio e ripercorrerne la storia. Nathan Never è un ex poliziotto e ha alle spalle un passato terribile. Sua moglie Laura è stata uccisa da un criminale e sua figlia Ann è stata ricoverata in una clinica psichiatrica, in stato di shock per avere assistito alla morte della madre. Per poter pagare le cure della figlia, Nathan, ritiratosi in un tempio shaolin per studiare arti marziali, è costretto a tornare al suo lavoro e ad accettare un incarico di agente speciale all’interno di un’agenzia privata di investigazioni…

Variant Nathan Never 2016_scelte2.inddDa qui prende le mosse la storia di Nathan Never. E ora, dopo 25 anni è finalmente tempo di festeggiamenti che, per l’occasione, saranno raccontati anche online sul sito www.sergiobonelli.it e con l’hashtag #NathanNever25. Cosa, questa, che diamo per scontata, ma che invece ha un sapore decisamente evocativo visto che il World Wide Web, proprio come Nathan, festeggia nel 2016 i suoi primi 25 anni.

Ma andiamo con ordine raccontando passo dopo passo tutte le tappe di queste celebrazioni. L’Agente Speciale Alfa comincia a festeggiare i suoi 25 anni in aprile, nelle fumetterie e nelle librerie (dal 21). Sì, perché proprio in questi giorni farà il suo debutto sugli scaffali Nathan Never. Visioni di un futuro remoto, il volume in brossura in tre capitoli che svela molti retroscena della vita di Nathan Never: dalle spiagge di El Teely, l’isola che diede i natali a sua madre, dove affronta i loschi interessi della multinazionale Chimer, passando per gli anni della giovinezza con la prima missione in polizia come scorta del procuratore Sara McBain, lo scontro con gli uomini di Aristotele Skotos, il matrimonio con Laura Lorring e la nascita di Ann, fino al coinvolgimento di un Nathan Never, ormai anziano, nel conflitto che determinerà le sorti del Pianeta Rosso. Tre imperdibili avventure scritte da Bepi Vigna e illustrate dagli eleganti tratti di Nicola Mari e Germano Bonazzi, racchiuse da una copertina inedita firmata da Bonazzi. La lettura ideale per ripercorrere alcuni dei momenti chiave della vita dell’Agente Speciale Alfa, ma anche per scoprirli per la prima volta.

INFOGRAFICA_NN_150La festa continua al Comicon di Napoli dal 22 al 25 aprile: per l’occasione sono stati organizzati incontri, una mostra e la pubblicazione (in anticipo sui tempi) del numero 300 a colori, scritto da Bepi Vigna e visualizzato da Roberto De Angelis, che non solo sarà disponibile in anteprima rispetto all’uscita in edicola (prevista per il 18 maggio), ma verrà offerto a Napoli in Edizione Variant con la speciale cover di Enki Bilal. Nell’ambito del festival sarà inoltre organizzata una mostra che, grazie all’esposizione di alcune preziose tavole e materiali originali appositamente selezionati, regalerà un inedito itinerario storico sulle tracce di albi e speciali legati all’universo di Nathan Never, che dal 1991 ad oggi conta oltre 70 mila tavole e 582 copertine. La mostra è a cura di alino&alina con Glauco Guardigli, curatore della testata bonelliana, e con la collaborazione di importanti collezionisti: un omaggio ai 25 anni di Nathan Never e agli 80 anni del debutto della fantascienza a fumetti in Italia, che generalmente viene fatto coincidere con la pubblicazione, nel 1936, di “Saturno contro la Terra” di Federico Pedrocchi e Giovanni Scolari.

Sempre al Comicon, sabato 23 aprile alle 15 al Teatro Mediterraneo, è stato organizzato uno speciale incontro su #NathanNever25. Qui assieme a Michele Masiero, direttore editoriale di Sergio Bonelli, gli spettatori viaggeranno nel tempo attraverso mega proiezioni fotografiche alla scoperta dei segreti della storia di Nathan Never. Interverranno all’evento Serra, Medda, Vigna, Giardo, Guardigli e De Angelis. Subito dopo avrà luogo un’anteprima mondiale: quella dei due episodi della serie tv “The Editor is In”, con protagonisti rispettivamente Nathan Never e Legs Weaver. Per la prima volta nella storia i fan di Nathan Never vedranno sul grande schermo il loro beniamino.

“The Editor is In” è una serie in live-action e animazione, prodotta da Sky Arte HD, TIWI e Sergio Bonelli Editore, in onda, in prima visione, dal 28 aprile tutti i giovedì alle h 20.50 su Sky Arte HD (120 e 400 di Sky) che racconta la movimentata realtà quotidiana di un editor alle prese con collaboratori davvero eccezionali. Nei due episodi, l’Editor – interpretato da Alex Cendron – è a colloquio con Nathan Never e Legs Weaver. Sembra tutto tranquillo quando, inevitabilmente, la conversazione prende una piega inaspettata. Incastrato, suo malgrado, in situazioni surreali, tra citazioni e ammiccamenti a vecchie storie, l’Editor è di volta in volta un manager, un mentore, un confidente per eroi ed eroine, colti nelle pause tra un’avventura e l’altra.

UA_generazione futuro[2]Anche Universo Alfa, il semestrale contenitore che ospita diverse serie dell’universo narrativo di Nathan Never (“Dipartimento 51”, “La Squadra Fantasma”, “Sezione Eurasia”, “Guerra Futura”, “Le cronache di Marte” e “Il mondo dei robot”) festeggia i 25 anni dell’Agente Speciale Alfa con uno speciale a colori intitolato Generazione Futuro-Attacco alla Terra, con soggetto e sceneggiatura di Stefano Vietti, disegni di Ivan Fiorelli e copertina di Max Bertolini.

Sempre in primavera un’altra grande novità per tutti i lettori di Nathan Never: a maggio debutterà infatti Nathan Never. Annozero, la prima delle tre miniserie di sei numeri che “ri-narrano” il passato del nostro Agente Speciale Alfa. Ognuna delle tre miniserie sarà affidata a uno dei suoi tre padri, gli immancabili Medda, Serra e Vigna. Il primo a partire sarà Vigna, affiancato da un Roberto De Angelis scatenato, anche autore delle copertine. La miniserie avrà infatti due cover diverse per le due edizioni, quella da fumetteria (disponibile da mercoledì 18 maggio) e quella da edicola (in vendita da venerdì 27maggio).

In occasione delle celebrazioni, tutti i lettori di Nathan Never sono invitati a raccontare sui social la loro passione attraverso l’hasthag #NathanNever25, postando la propria cover preferita, raccontando quale dei 300 episodi della serie dell’Agente Speciale Alfa è quello che maggiormente ha colpito la loro immaginazione e quale tra i nemici di Nathan sono quelli che più li hanno segnati tra Aristotele Skotos, suo figlio Kal, Raven, la Fratellanza Ombra, i tecnodroidi, Athos Than…

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi