Scarlett Johansson è un cyborg.

Ghost In The Shell, nato nel 1989 sulla rivista giapponese Young Magazine, scritto e disegnato da Masamune Shirow, diventa per la prima volta un live-action.

Il film, diretto da Rupert Sanders, uscirà nei cinema italiani il 30 Marzo, per poi uscire negli States il 31 Marzo. Protagonista della pellicola Scarlett Johansson, nei panni di Major, cyborg facente parte dell’organizzazione antiterrorismo Sezione 9. Impegnata a contrastare i più pericolosi criminali ed estremisti, Section 9 affronta un nemico il cui unico obiettivo è eliminare gli sviluppi di cyber tecnologia della Hanka Robotic.

La Universal Pictures ha dato modo di vedere i primissimi 12 minuti della pellicola, e nonostante l’esiguo tempo fornito per poter avere un’opinione chiara del film, si capisce che l’investimento produttivo è stato particolarmente oneroso.

Si parte dalla prima immagine: la creazione di un cyborg, un essere che pur avendo la maggior parte delle sue componenti robotiche, deve avere uno “shell” al posto del corpo umano, ma continua a conservare la propria anima, il proprio “ghost”.

Come nel manga, l’ambientazione di Ghost In The Shell è futurista e ricorda il mondo di Blade Runner, il cult di Ridley Scott. Uno schermo 3D è necessario a rendere davvero giustizia a un film del genere.

ghost-in-the-shell-scarlett-johansson

 

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi