Il coraggio degli ultimi dipinto da James Franco

IDB_6847James Franco dirige (e interpreta) ‘In Dubious battle, il coraggio degli ultimi’ con un cast stellare composto da Nat Wolff, Selena Gomez, Vincent D’Onofrio, Ed Harris, Sam Shepard, John Savage, Analeigh Tipton, Ashley Greene, Josh Hutcherson, Zach Braff, Ahna O’Reilly, Austin Stowell, Keegan Allen con Robert Duvall e Bryan Cranston. Il film arriva al cinema dal 7 settembre.

Dopo essere stato presentato con successo alla 73ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, al Deauville American Film Festival, al Mill Valley Film Festival e al Toronto International Film Festival, In Dubious battle è tratto dall’omonimo romanzo del 1936 del Premio Nobel John Steinbeck, tradotto in Italia da Eugenio Montale con il titolo La Battaglia. Ambientato in un’America degli anni ’30 in piena lotta tra lavoratori e capitalisti, è la storia di un uomo che, in disperata lotta per il riconoscimento dei propri diritti fondamentali, cerca di organizzare uno sciopero dei raccoglitori di frutta nel sud della California. Il film porta sul grande schermo la sofferenza, gli stenti e il coraggio della popolazione rurale della Grande Depressione, in un dipinto corale.

IDB_9460James Franco ha dichiarato: “È un racconto incredibile della lotta dell’uomo contro se stesso, un tema così crudo durante la Grande Depressione ma ancora oggi così attuale. Da ragazzo ero quasi ossessionato dai suoi libri, che sono diventati parte integrante della mia crescita. Portare la sua scrittura sul grande schermo è un sogno che si avvera”.

Il Titolo “In Dubious Battle” è un riferimento a un brano del Paradiso perduto di John Milton. Da questo libro si evince il grande interesse di Steinbeck per ciò che accade nella mente e nel cuore degli uomini quando si muovono, non come individui singoli ma come membri di un gruppo. “In Dubious Battle” è il suo tentativo di studiare un tipico sciopero a metà della grande depressione in termini bionomici (disciplina che studia le leggi che governano i processi vitali). Nel 1958, il critico Alfred Kazin proclamò “In Dubious Battle ” e “Furore” come i suoi libri più potenti. Il presidente Barack Obama, in un’intervista al New York Times, ha detto che “In Dubious Battle” è il suo libro preferito.
IDB_6484

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi