Insidious: l’ultima chiave viene dal passato

insidious-l-ultima-chiaveLe menti creative dietro il successo della trilogia di Insidious tornano con un quarto capitolo L’ULTIMA CHIAVE e torna anche Lin Shaye nella parte della dottoressa Elise Rainier, la brillante parapsicologa che stavolta deve affrontare la sua ossessione più terribile, proprio all’interno della sua famiglia. Accanto a Elise Rainier rivedremo i suoi storici partner demonologi, Specs e Tucker. Un film di Adam Robitel, dal 18 gennaio al cinema.

Il film è scritto dal cocreatore Leigh Whannell (Saw), che ha realizzato la trilogia e ha diretto il terzo episodio; prodotto da Jason Blum (lnsidious, La notte del giudizio, Scappa-Get Out), da Oren Peli (Paranormal Activity) e dal cocreatore James Wan (L’evocazione-The Conjuring, Fast&Furious 7).

Nel 2010 Insidious di James Wan è stato un interessante esperimento in un panorama affollato di modelli horror e nel 2015 il produttore e regista malese-australiano ha realizzato il sequel e il prequel della vicenda della sensitiva Elise Rainier fino a crearne un ‘franchise’ con l’ultimo arrivato: Insidious – L’ultima chiave.

L’ultima chiave affronta un orrore molto più spaventoso e reale dei precedenti, quello che avviene dietro le mura domestiche. Attraverso i flashback il passato doloroso della giovane Elise (spesso i figli sono loro malgrado vittime indifese), il film aggiunge un tono malinconico che risulta a tutti gli effetti la parte migliore dell’intera operazione, soprattutto quando nel finale si riallaccia alla trama per chiudere il cerchio della storia.

Elise Rainier, la parapsicologa capace di entrare in contatto con i morti, decide ancora una volta di aiutare una famiglia tormentata da entità sovrannaturali.

In questo film verrà svelato ciò che ha reso Elise la brillante parapsicologa che tutti conoscono. La Rainier dovrà infatti affrontare i suoi stessi demoni e tornare nella sua città natale in New Mexico, per combattere “l’uomo malvagio” che la perseguitava da giovane.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi