Profondo all’International Tour Film Festival

Profondo, l’opera prima di Giuliano Giacomelli, prosegue il suo percorso festivaliero. Dopo essere stato scelto per rappresentare l’Italia al IX Cinefantasy IFFF di San Paolo in Brasile, il dramma intriso di mistero e fantasy è in concorso all’8ª edizione dell’ITFF – International Tour Film Festival, la cui ultima tappa si terrà dal 9 al 13 ottobre nella città di Civitavecchia.
L’ITFF è una prestigiosa vetrina internazionale per corti e lungometraggi da tutto il mondo che ospiterà Profondo di Giuliano Giacomelli in concorso nella sezione “Lungometraggi italiani”.
Profondo_slide13
La proiezione pubblica e a ingresso gratuito (fino a esaurimento posti) è fissata per il 12 ottobre alle 18:30 presso la Sala Morricone della Cittadella della Musica di Civitavecchia (Roma).

Prodotto da Ethika Entertainment, Profondo è la conferma che anche in Italia è possibile realizzare un cinema dal respiro internazionale capace, tuttavia, di non tradire la cultura e le tradizioni del proprio Paese. Girato interamente nelle Marche, tra la città di Fano e Pesaro, Profondo è un sentito omaggio a tutte quelle leggende marinaresche che movimentano da sempre le navigazioni dei pescatori ma, al tempo stesso, è anche un atto d’amore verso capolavori della letteratura statunitense come Moby Dick di H. Melville e Il vecchio e il mare di E. Hemingway.

Profondo_slide19Il film racconta la storia di Leonardo, fotoreporter cinquantenne nonché uomo molto riservato, schivo verso il prossimo e ormai disilluso nei confronti della vita a causa di una serie di duri fallimenti che lo hanno profondamente segnato in modo irreversibile. Mosso da motivazioni molto intime, Leonardo è alla ricerca di una personale redenzione. L’uomo vuole portare a termine un ultimo e importantissimo servizio, il più importante della sua carriera e della sua esistenza. Recatosi in un piccolo paesino balneare popolato quasi esclusivamente da pescatori, Leonardo si mette alla ricerca del Diavolo Rosso, un leggendario animale marino che anima il folclore locale da tantissimi anni. L’animale, reale o no, diventa per l’uomo un’autentica ossessione nonché l’ultima possibilità di riscatto nei confronti di una vita che non è mai stata vissuta fino in fondo.

Nel cast Marco Marchese, Marcella Valenti, Nicola Trambusti, Millie Fortunato Asquini, Giovanni Visentin, Gianluigi Fogacci e Edoardo Siravo. Le musiche originali sono eseguite dal maestro Gianluca Sibaldi, storico collaboratore di Leonardo Pieraccioni.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi