The New Pope, il sonno del santo

Lo avevamo visto l’ultima volta accasciato e privo di sensi a Venezia. Da allora Pio XIII – il Papa americano, giovane e bello, pontefice infelice e apparentemente reazionario – è in coma, vegliato giorno e notte da numerosi fedeli accorsi in laguna da tutto il mondo. Sperano in un suo risveglio, che ai medici sembra impossibile. Un sonno profondo ma misterioso. Il sonno di un santo secondo chi lo idolatra.

Il Cardinal Voiello interpretato da Silvio OrlandoArriva in esclusiva per l’Italia su Sky Atlantic e NOW TV il 10 gennaio dalle 21.15 THE NEW POPE, la serie Sky Original creata e diretta da Paolo Sorrentino con Jude Law e John Malkovich. Si tratta del secondo progetto per la tv ambientato dal regista Premio Oscar® in Vaticano, ricreato nei suoi luoghi simbolo grazie a un certosino lavoro artigianale durato mesi per ricostruire la facciata e gli interni della Basilica di San Pietro, la Cappella Sistina, compresa la Pietà di Michelangelo.

Dopo una parentesi imprevedibile quanto misteriosa, il Segretario di Stato Voiello riesce nell’impresa di far salire al soglio pontificio Sir John Brannox, un aristocratico inglese moderato, affascinante e sofisticato che prende il nome di Giovanni Paolo III. Il nuovo Papa sembra perfetto, ma cela fragilità e segreti. E capisce subito che sarà difficile prendere il posto del carismatico Pio XIII: sospeso tra la vita e la morte Lenny Belardo è diventato un Santo e sono ormai migliaia i fedeli che lo idolatrano alimentando un contrasto tra i fondamentalismi.

La Chiesa intanto è aggredita da scandali che rischiano di travolgere in modo irreversibile le alte gerarchie, e da minacce esterne che colpiscono i simboli della cristianità. Come al solito, però, in Vaticano niente è come appare. Il bene e il male vanno a braccetto incontro alla Storia. E per arrivare al redde rationem bisognerà aspettare che gli eventi facciano il loro corso.

Scritta da Paolo Sorrentino con Umberto Contarello e Stefano Bises, THE NEW POPE ha richiesto 22 settimane di riprese, 4500 costumi, ben 450 papaline e cappelli e più di 500 croci, fra quelle preziose per cardinali e vescovi e quelle per suore, frati e ordini religiosi, per una serie di caratura internazionale nella produzione e nel cast: fra protagonisti e figurazioni (più di 9mila), sul set attori provenienti da 65 Paesi nel mondo.

Oltre ai due volte nominati agli Oscar® Jude Law e John Malkovich, nel cast Silvio Orlando, Javier Cámara, Cécile de France, Ludivine Sagnier e Maurizio Lombardi, già protagonisti in The Young Pope. New entry Henry Goodman, Ulrich Thomsen, Mark Ivanir, Yuliya Snigir, Massimo Ghini, per una serie che vedrà nel cast anche due guest star d’eccezione, Sharon Stone e Marilyn Manson.

Sir John Brannox, Sofia Dubois e i Cardinali Assente, Voiello e GutierrezVision Distribution porterà THE NEW POPE in sala ogni lunedì successivo alla messa in onda, in versione originale sottotitolata. Si partirà il 13 gennaio con il primo e secondo episodio, e a seguire ogni lunedì fino al 10 febbraio andrà in sala il nono ed ultimo. THE NEW POPE sarà programmato al Cinema Anteo di Milano, al Cinema Quattro Fontane di Roma e al Cinema Delle Palme di Napoli.

“The New Pope – afferma il regista premio Oscar Paolo Sorrentino – esplora l’ambizione di due grandi Papi: essere dimenticati. Veri servi di Dio, hanno bisogno di sbiadire, per lasciar fiorire e brillare il nitore della fede e della pace.
L’utopia della purezza. Questa è l’essenza della loro maestosa religiosità. L’ambizione del loro cammino. Questi due uomini si chiamano John Brannox e Lenny Belardo. Ma la lunga via per essere dimenticati è costellata dagli ostacoli terreni dell’umano sentire: le derive fondamentaliste, le tentazioni mondane, il richiamo della vanità, le pietose vocazioni affaristiche, la schiavitù delle paure e dei vizi, gli intralci sentimentali che smerigliano il grande piano. Ce la faranno i nostri due papi a realizzare questo anacronistico, arcano progetto? Perché essere dimenticati, può essere una salvezza”.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi