Jack Ryan solo in dvd.

Senza passare dal cinema, il quinto film della saga di Jack Ryan, tratta dalle pagine dello scrittore Tom Clancy, arriva direttamente in dvd e blu ray, in Italia a partire dal 4 giugno 2014. Uscito nei cinema americani a gennaio di quest’anno (dove ha incassato 50 milioni di dollari e, complessivamente, 134 milioni in tutto il Mondo), ‘Jack Ryan – L’iniziazione’ era stato inizialmente annunciato a marzo anche in Italia, ma poi la release non è stata confermata dai distributori.Jack-Ryan-Shadow-Recruit

‘Jack Ryan – L’iniziazione’ è un film dal cast di richiamo. In questo nuovo capitolo, il protagonista ha infatti il volto del giovane Chris Pine che, supportato dall’agente delle CIA William Harper (il redivivo Kevin Costner, al cinema con ‘3 days to kill’ a giugno), dovrà combattere e sventare un complotto terroristico-finanziario architettato dai russi, teso a far collassare l’economia americana. L’acerrimo nemico da sconfiggere è Viktor Cherevin (Kenneth Branagh, che del film è anche regista e che torna a lavorare a un grosso kolossal dopo aver diretto per i Marvel Studios il primo Thor). Nella squadra anche Keira Knightley che interpreta la moglie di Pine.keira-knightleys-jack-ryan

Non è la prima volta che Pine interpreta un reboot di un personaggio molto apprezzato dal pubblico – infatti recentemente ha ripreso il ruolo iconico del Capitano James T. Kirk nell’acclamata serie di JJ Abrams “Star Trek”, rivolgendo il classico film di fantascienza ad una platea di nuova generazione; mentre in questo nuovo progetto, trasporta un personaggio famoso nel mondo attuale, e non nel futuro.

Chris Pine va quindi a ridare vita a ruolo ormai entrato nell’immaginario collettivo anche grazie alle interpretazioni del passato di Alec Baldwin, Harrison Ford e Ben Affleck. Si tratta del personaggio più iconico di Tom Clancy (dalla sua penna provengono pellicole leggendarie come ‘Caccia a ottobre Rosso’ e ‘Al Vertice della Tensione’).JACK RYAN: SHADOW RECRUIT

“Jack Ryan: L’Iniziazione” (Jack Ryan: Shadow Recruit) trasporta l’agente della CIA di Clancy Everyman (la spia riluttante che è entrato negli annali della cultura popolare come lo studioso che trasforma le sue teorie anti-terrorismo in azione) nel XXI secolo.

In pieno inverno, nel cuore di Mosca, un oligarca russo è in procinto di dar vita ad un sofisticato complotto teso a finanziare un attacco terroristico per far collassare l’economia americana. Nel frattempo a Wall Street il neo agente della Cia che lavora sotto copertura, Jack Ryan, sta per ottenere il suo primo incarico – quello che lo catapulterà da un lavoro dietro una scrivania, ad un’attività in ombra, tanto da non saper più distinguere un amico da un avversario letale. L’unica cosa certa, è che in questo mondo dove tutti gli elementi sono sospetti, e dove abbondano i segreti e le bugie, ogni sua mossa falsa potrebbe alterare l’equilibrio del mondo intero.

chris-pine-jack-ryanDa quando il maestro dello spionaggio Tom Clancy lo ha introdotto per la prima volta nel romanzo thriller sul sottomarino La Grande Fuga dell’Ottobre Rosso, per poi fargli sventare un complotto mortale dell’IRA in Attentato alla Corte d’Inghilterra, Jack Ryan è diventato sinonimo dell’eroe essenziale e invisibile. Basta nominare Ryan a un fan di Clancy, per fargli evocare immediatamente l’immagine dell’astuzia minacciata dagli scontri a fuoco, dell’impegno inflessibile e concentrato negli intrighi internazionali, di un semplice essere umano che si scontra con minacce straordinarie. Nel mondo dello spionaggio, Ryan si è distinto. Addestrato come una spia, ma dotato di un intelletto che si abbina alla sua audacia, di fatto non si avvale di gadget informatici o della sua prestanza fisica, quanto del suo ingegno e il suo istinto, diventando una preziosa risorsa dell’ intelligence degli Stati Uniti, e che da sempre rappresenta il nemico principale di chi minaccia la nazione.

jack2Con tredici bestseller su Jack Ryan firmati da Clancy, e quattro film di successo, Ryan è stato velocemente inserito nel tessuto della cultura popolare, proprio mentre la Guerra Fredda stava alimentando l’epoca più fertile dello spionaggio. Ma i realizzatori di “Jack Ryan: L’Iniziazione” hanno pensato che questo personaggio tanto acclamato e sempre più rilevante non doveva essere relegato al passato. Dopo tutto, gli analisti appassionati come Ryan da allora sono diventati la spina dorsale della nostra nuova e più contorta era dello spionaggio, fatto di agenti a caccia di uomini apolidi ed intenti a sventare inaspettati attacchi terroristici. Ecco perché i realizzatori hanno voluto da un lato aggiornare il mondo di Ryan ad pubblico moderno, e dall’altro ritornare ai suoi inizi, per raccontare i passi fondamentali dell’uomo che Clancy ha reso iconico.

“Penso che con Chris Pine nei panni di Jack Ryan, stiamo davvero ridefinendo il personaggio”, dice il produttore Mace Neufeld, che ha fatto parte del retaggio di Jack Ryan fin dal 1990, quando ne ha prodotto il primo film, Caccia a Ottobre Rosso (The Hunt For Red October), divenuto un successo influente nonché vincitore di premi importanti. “Chris e Ken Branagh hanno dato una nuova vita a Jack”.

jack3Lorenzo Di Bonaventura, il produttore noto per la serie campione d’incassi Transformer, spiega: “Abbiamo deciso di ricreare le origini del personaggio di Jack Ryan in chiave moderna, ripercorrendo il suo percorso da studente a recluta della CIA, fino al suo primo coinvolgimento in eventi globali sconvolgenti. Emerge la crescita della sua personalità, di come maturano i suoi parametri verso ciò che è giusto o sbagliato, di come si relaziona, e di come gestisce tutti gli interrogativi legati al pericolo. Non è un supereroe: è una persona che, in caso di necessità, affronta direttamente la situazione dando vita ad una storia d’azione al cardiopalma” .

I realizzatori sono stati entusiasti di vedere un Jack Ryan contemporaneo in carne ed ossa, dapprima nella sceneggiatura di Adam Cozad e David Koepp, e poi nell’interpretazione di Pine diretta da Kenneth Branagh. “Il risultato è una sorta di primo viaggio di scoperta per Jack, un uomo che non si aspettava di diventare un agente sul campo e, insieme, Ken e Chris hanno rivisitato il personaggio di Ryan in modo divertente e contemporaneo”, dice il produttore David Barron, noto per il suo lavoro nel franchise di “Harry Potter”.

Il Produttore Mark Vahradian, lo stesso di “Transformers” di Di Bonaventura tra gli altri, osserva che questo progetto, considerato un caposaldo “da’ vita ad una storia fresca pur rimanendo fedele al mito creato da Tom Clancy”.

Questo spiega perché Ryan attrae particolarmente, tra la moltitudine di spie letterarie e cinematografiche. “Si ritaglia uno spazio tutto suo nel mondo delle spie”, spiega Vahradian. “E’ molto più di una spia qualunque. Non è un killer addestrato. Rappresenta quella persona alla quale batteresti un colpetto sulla spalla per chiedergli ‘ fino a che punto ti spingeresti per renderti utile al tuo Paese?’ – Questo è ciò che lo rende così interessante: che in fondo, è uno di noi”.

Per Kenneth Branagh, l’attrazione è iniziata fin dalla sceneggiatura. “Era appassionante” ricorda della sua prima lettura. “Si trattava di un thriller d’azione, ma oltre a ciò aveva una carica emotiva che mi ha sorpreso. Ci si preoccupa sul serio di Jack Ryan, un personaggio che si distingue tra tutti”.

Branagh conosceva già alcuni dei libri, ma in poco tempo si è letto tutti e tredici i romanzi di Clancy che coinvolgono Ryan, immergendosi completamente nella storia e nella personalità di Ryan. “Ho apprezzato il paradosso di Ryan”, dice. “E’ il migliore: ha una mente analitica brillante, anche se è piuttosto riluttante come uomo della CIA. Ha le qualità e la vulnerabilità di un uomo comune che lo rendono notevolmente empatico”.

jack1Era particolarmente entusiasta di portare Ryan nell’alta tecnologia dell’intelligence, che emerge come la chiave per salvaguardare il nostro futuro. Forse in nessun altro luogo gli Stati Uniti sarebbero più vulnerabili per un attacco, se non al centro del sistema finanziario operativo in rete 24 ore al giorno, nel quale potenzialmente chiunque potrebbe infiltrarsi senza che nessuno se ne accorga.

L’uomo che fa entrare Jack Ryan alla CIA, e gli affida un incarico che lo metterà a dura prova – è un agente veterano, che sa esattamente come giocare la partita. Il suo nome è Thomas Harper, interpretato dal regista ed attore premio Oscar Kevin Costner, un ritorno tanto atteso sul grande schermo dopo l’acclamata mini-serie televisiva premiata con l’Emmy, “The Hatfields e McCoys”.

Ironia della sorte, a Costner era stato inizialmente offerto il ruolo di Jack Ryan in “Caccia a Ottobre Rosso”, che non ha accettato per potersi dedicare totalmente alla sua pellicola epica, il premio Oscar “Balla coi Lupi”.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi