Scrivere con la luce.

Vittorio Storaro è un ambasciatore dell’arte nel mondo, ben noto a tutti gli amanti del cinema e non solo, grazie a una lunga e luminosa carriera come direttore della fotografia per i più influenti registi (Bernardo Bertolucci, Francis Ford Coppola, Warren Beatty, Carlos Saura ed Alfonso Arau tra i tanti) e contraddistinta da importanti riconoscimenti internazionali, compresi ben 3 Premi Oscar per Apocalypse Now, Reds e L’Ultimo Imperatore.vittorostoraro

Dal 9 maggio al 30 giugno, alla Galleria Sinopia di Roma, Vittorio Storaro espone la sua collezione fotografica: “Il progetto di una vita. Un’enciclopedia di un visionario, un ricercatore, uno studioso, di quanto filosofi, pittori, scienziati di tutto il mondo hanno speso in ricerca intorno al mistero della visione”.

‘Scrivere con la Luce’ è un progetto di Giovanni e Fabrizio Storaro a cura di Raffaella Lupi. Un affascinante percorso figurativo, una mostra che l’autore definisce “fotografica per un discorso che travalica i confini dell’espressione visiva sulla pellicola cinematografica e si espande nella ricerca filosofica e pittorica” da cui il maestro ha tratto la sua ispirazione artistica.

La mostra per Storaro “riveste un duplice interesse: tecnico e narrativo. Il passaggio dall’immagine in movimento, che caratterizza la cinematografia, all’immagine fissa, che specifica la fotografia, non può che affermare la capacità e la padronanza dei mezzi espressivi di un autore della fotografia nella sua ricerca sulla composizione dell’immagine e sul valore espressivo: della luce, dei colori, degli elementi”. Il lavoro fotografico di Storaro, pur totalmente parte dal suo impegno cinematografico, è pensato e composto come un racconto di immagini a sé stanti. Immagini composte in doppia-impressione tra loro che suggeriscono, attraverso atmosfere oniriche, una personalissima interpretazione delle storie rappresentate filmicamente.

Vittorio Storaro ha avviato un progetto culturale di ampio respiro che si articola nella trilogia di libri di cui la mostra “Scrivere con la Luce”, rappresenta un completamento. Si tratta del risultato di vari anni di ricerche sulla Luce, sui Colori, sugli Elementi che sono serviti da studio per l’ideazione figurativa di tutti i suoi Film. Le fotografie esposte nella mostra fanno parte, infatti, della ricerca sul linguaggio dell’Immagine Fotografica e Cinematografica che Vittorio Storaro ha esercitato in circa 40 Film. È una possibilità creativa di Vittorio Storaro per poter ri-visitare l’immaginario visivo che lo ha accompagnato sin qui; un ri-percorrere un viaggio figurativo da tempo tracciato, vissuto dall’oscurità alla luce, dalla materia all’energia, sempre più verso una ricerca, per la quale ha speso, spende e spenderà gran parte della sua vita. Una necessità individuale per cercare delle possibili conferme, per capire meglio il cammino figurativo tra Foto-grafia e Cinematografia. Una esposizione Foto-Cinematografica ideata e voluta nel tentativo di trovare anche presso la semplice “fissa” parola fotografia, il senso di raccontare una storia in “movimento”, con più di una immagine sovrapposta l’una all’altra, tentando con ogni mezzo di “Foto-grafare” cioè di “Scrivere con la Luce” e trasformare un concetto narrativo in un concetto visivo.

L’inaugurazione della mostra è prevista per il 9 maggio alle ore 18.00 presso laSinopia Galleria’, in via dei Banchi Nuovi, 21b a Roma.

Invito Storaro Collection

Condividi questo articolo!