Gli autori di ‘1992 La Serie’.

Sei storie. Storie di ascesa e caduta. Di amore. Di sesso. Si destreggiano tra le onde degli eventi. Qualcuno riuscirà a cavalcarle, qualcun altro affogherà. E’ ‘1992’ la serie, in onda su Sky Atlantic dal 24 marzo in prima serata.

1992 Sardo Fabbri Rampoldi GagliardiPerché il 1992? “La proposta arrivataci – affermano i tre sceneggiatori Ludovica Rampoldi, Stefano Sardo e Alessandro Fabbri – era quella di raccontare l’ultimo ventennio di politica italiana dalla parte dei vincitori, quelli che avevano governato il paese per vent’anni. Da subito abbiamo sentito che un impianto spalmato su un ventennio mal si conciliava col passo della serialità contemporanea. Perciò abbiamo deciso di concentrarci su un periodo circoscritto, l’inizio della rivoluzione. Il 1992. Il momento in cui abbiamo sognato la possibilità di un Paese diverso. L’inchiesta Mani Pulite è la scintilla che genera il Big Bang. Si liberano energie incontrollate, correnti ascensionali che portano al vertice del Paese nuovi, inediti protagonisti. Tutte le regole sono saltate, e quelle nuove devono ancora essere scritte”.

Chi sarà a farlo? “Uomini Nuovi, chiamati a scrivere questo Italian Tabloid sulle pagine ancora bianche della Seconda Repubblica – conferma il trio autorale -. Ne abbiamo immaginati alcuni che incarnassero al meglio lo spirito del tempo e li abbiamo fatti diventare i nostri protagonisti, affiancandoli ai personaggi reali che hanno segnato quell’epoca. Ma il fuoco del racconto è sempre sui personaggi di finzione: è solo attraverso i loro occhi che vediamo dipanarsi la Storia di quell’anno. 1992 Sardo Fabbri Rampoldi Gagliardi aL’inchiesta Mani Pulite, le bombe a Falcone e Borsellino, il discorso di Craxi alla Camera, il rapimento del piccolo Farouk Kassam, le elezioni politiche e i primi successi della Lega Nord, tutto questo non costituisce solamente lo sfondo di 1992 ma è materia viva del racconto della serie. Da qui nasce la scommessa di ideazione e di scrittura di 1992: prima documentarsi, leggendo e intervistando molti dei protagonisti di quella stagione, magistrati, politici e uomini tv, giornalisti e intellettuali. E poi plasmare questa materia per creare un’ambientazione viva e credibile al nostro romanzo storico. Se per l’Italia il 1992 rappresenta la Grande Occasione, anche per i nostri protagonisti quell’anno è una sfida da vincere. I loro destini bordeggiano la grande Storia. Storie di ascesa e caduta. Di amore. Di sesso. Vite vissute a cavallo tra Milano, da cui soffia il Vento del Nord, e Roma, dove quel vento genera turbini. Mescolandosi ai volti più noti, destreggiandosi tra le onde degli eventi. Qualcuno riuscirà a cavalcarle, qualcun altro affogherà. Per loro l’Italia che hanno davanti è la Terra Promessa. Per noi, a distanza di vent’anni, è la nostalgia di ciò che poteva essere e non è stato. 1992 è stato per noi un lavoro intenso e diverso dagli altri, una delle rare volte in cui in Italia ci si è avvicinati al modello produttivo americano in cui gli sceneggiatori sono anche i ‘creatori’ della serie. Oltre l’ideazione e la scrittura abbiamo avuto un ruolo in tutte le fasi, dalla preparazione alle riprese, fino al montaggio. Una sfida unica ed esaltante, durata tre anni.

ALESSANDRO FABBRI
Nato a Ravenna nel ’78, è scrittore e sceneggiatore. Ha vinto il premio Campiello Giovani nel ’96 e pubblicato i romanzi Mosche a Hollywood, Quell’Estate di Sangue e di Luna (con Eraldo Baldini), Il Re dell’Ultima Spiaggia e Il Ragazzo Invisibile. Come sceneggiatore ha firmato l’adattamento italiano della serie In Treatment, la serie Catturandi, e i film La Doppia Ora e Il Ragazzo Invisibile.

Ludovica Rampoldi 1992LUDOVICA RAMPOLDI
Scrive per cinema e televisione. Sul grande schermo ha firmato soggetto e sceneggiatura de Il ragazzo invisibile, La kryptonite nella borsa, Il gioiellino, La doppia ora e ha collaborato al copione de La ragazza del lago. Per la televisione ha lavorato a Gomorra – La serie e all’adattamento italiano di In Treatment. Ha inoltre pubblicato il romanzo Il ragazzo invisibile (Salani, 2014) ispirato al film.

STEFANO SARDO
Nato a Bra, nel ’72. Con Fabbri e Rampoldi ha firmato l’adattamento italiano di In treatment e, per il cinema, La Doppia Ora e Il Ragazzo Invisibile. Ha inoltre scritto i film Tatanka e Workers – pronti a tutto e varie serie tv. Nel 2013 ha diretto il documentario Slow Food Story. Ha pubblicato due romanzi: L’America delle Kessler e Il Ragazzo invisibile. Musicista, ha pubblicato 5 album con i Mambassa.

Leggi anche: rock&roll, questa è Tangentopoli!  –  I personaggi di 1992 –  E’ di Boosta la musica del 1992

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi