Un frullato di favole al centro del bosco.


Le magiche atmosfere delle più celebri fiabe dei fratelli Grimm rivivono sul grande schermo in una nuova avvincente rivisitazione che esplora cosa accade ai protagonisti dopo il classico lieto fine. INTO THE WOODSCandidato a 3 premi Oscar, il film Disney ‘Into the Woods’ arriverà nelle sale italiane il 2 aprile in circa 250 copie, distribuito da The Walt Disney Company Italia.

Prima di diventare un film, ‘Into the Woods’ è stato un musical di grande successo; l’idea alla base è quella di riprendere alcune fiabe (Cenerentola, Cappuccetto Rosso, Jack e il fagiolo magico, Raperonzolo) frullarle tra di loro e ottenere una storia completamente nuova. Il film non si limita a fare una parodia (come ha fatto la Dreamworks in Shrek) ma a rinnovare le fiabe rendendole comiche e divertenti, anche se l’epilogo è lontano dal classico happy end.

streep-into-the-woods2Il film è diretto dal regista Rob Marshall e interpretato da un cast stellare tra cui l’attrice premio Oscar Meryl Streep che interpreta la Strega, ruolo che le è valso una nomination come Miglior attrice non protagonista anche agli Academy Awards 2015, e Johnny Depp, nel ruolo del Lupo predatore bramoso che mette gli occhi su Cappuccetto Rosso.

‘Into The Woods’ è scandito dalle musiche composte dal celebre Steven Sondheim, autore anche del musical originale sul quale è basato il film (la colonna sonora sarà disponibile nei negozi italiani dal 31 marzo).

Protagonisti di questa incredibile avventura, un Fornaio (il vincitore del Tony Award James Corden) e sua moglie (la vincitrice del Golden Globe Emily Blunt) sono costretti ad aiutare una Strega, vittima di un maleficio, per poter spezzare quello che lei stessa ha gettato su di loro. Avventurandosi nel Bosco alla ricerca degli ingredienti necessari a spezzare il maleficio, i due incontreranno: Cenerentola (la candidata all’Oscar e al Tony Award Anna Kendrick), in fuga dal Palazzo del principe (Chris Pine); Cappuccetto Rosso (Lilla Crawford), into-the-woods1stalkerata dal Lupo cattivo; Rapunzel (Mackenzie Mauzy), intrappolata dalla Strega in una torre senza porte, e il giovane Jack (Daniel Huttlestone), in viaggio verso il mercato per vendere la sua amata mucca Biancolatte, che poi cederà in cambio di cinque fagioli magici. Ognuno di loro possiede uno degli oggetti necessari alla strega e ognuno di loro ha un desiderio da realizzare.

Una volta spezzata la maledizione, ogni fiaba raggiungerà il suo lieto fine ma, proprio quando saranno tutti felici e contenti, i diversi personaggi inizieranno una nuova avventura che li porterà ad affrontare le conseguenze dei loro i desideri.

into-the-woodsNel descrivere la trama, Rob Marshall afferma: “La storia è una rivisitazione di diverse fiabe amatissime, ed è divertente nonostante esamini temi complessi come le conseguenze dei propri desideri, il rapporto tra genitori e figli, l’avidità, l’ambizione e, più di tutto il resto, l’amore incondizionato e il potere dell’animo umano”.

La campagna inglese ha offerto numerose location naturali che Marshall ha scelto per girare gran parte del film: tra queste, le secolari querce del Windsor Great Park hanno fornito un perfetto set dove intrecciare le fiabe e far incontrare tra loro i protagonisti. Uno dei motivi di tale scelta è che, nella storia, il Bosco è quasi un personaggio a sé stante che, secondo Marshall, simboleggia molte cose: “è il luogo in cui si va per inseguire i propri sogni, fronteggiare le proprie paure, perdersi, ritrovarsi, crescere e imparare ad andare avanti”.

Un ruolo fondamentale nel film è stato svolto dalla costumista Colleen Atwood (vincitrice di tre Oscar per Alice in Wonderland, Chicago e Memorie di una Geisha) entusiasta dall’opportunità di ideare abiti per personaggi provenienti da diverse fiabe. intothewoodsColleen Atwood si è ispirata al Bosco: molti abiti indossati dai protagonisti incorporano una superficie che ricorda, in qualche modo, il legno. Per esempio, il costume della Strega, indossato da Meryl Streep, è stato realizzato con piccoli pezzi di cuoio dall’aspetto simile a una corteccia piena di crepe e chiffon. Questi pezzi sono stati poi montati su un tessuto a rete per rendere più semplici i movimenti del personaggio.

“Quando lavori con un’attrice come Meryl, si discute a lungo sui movimenti che il personaggio dovrà svolgere indossando il costume”, spiega Colleen Atwood. “Il movimento fa parte del suo personaggio, e fin da subito lei sapeva che la Strega sarebbe stata spesso accucciata e avrebbe avuto dei movimenti simili a quelli di un ragno”. Prosegue: “Quando la Strega si trasforma nel corso del film, il costume cambia e diventa più elegante: vengono utilizzati seta e tessuti più raffinati. Ho gonfiato un po’ le spalle: le ho evidenziate scegliendo un colore diverso”.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi