After the end, in un rifugio antiatomico.

After the end - ph Mauro Pomati (9)Arriva a Roma, al Teatro dell’Orologio, lo spettacolo After the end di Dennis Kelly, nell’ambito della programmazione Let’s get British, dedicata al teatro britannico. La giovane compagnia interpreta il feroce mondo ideato da Dennis Kelly, creando uno spettacolo nero dall’ironia cruda e di una tagliente contemporaneità.

After the end - ph Mauro Pomati (3)In un rifugio antiatomico, Mark e Louise, due ragazzi di venticinque anni, parlano di un’esplosione nucleare avvenuta in seguito ad un attacco terroristico che ha raso al suolo interi quartieri e ucciso una gran quantità di persone, tra cui, probabilmente, anche molti dei loro amici e le loro famiglie.

Mark è riuscito a mettere in salvo Louise nel suo rifugio, portandola in braccio, priva di sensi, tra le macerie. In questo ambiente di convivenza forzata, gli aspetti più reconditi dell’animo umano crescono e tutto si trasforma in una lotta per il potere in cui il ruolo di vittima e carnefice si confonde e il confine tra il bene e il male diventa sempre più labile.

After the end - ph Mauro Pomati (4)“AFTER THE END”, del drammaturgo inglese Dennis Kelly (noto al grande pubblico per importanti progetti come la serie tv Utopia, il musical Matilda – per cui ha ricevuto numerosi premi – e altri testi teatrali) è una black comedy accattivante, con ritmi serratissimi e un impianto quasi cinematografico. Un linguaggio modernissimo, ironico, pungente e anche molto violento che tiene incollato lo spettatore. Scritto nel 2005 subito dopo gli attacchi terroristici di Londra, è attualissimo ancor più oggi alla luce degli ultimi fatti di cronaca. Un viaggio psicologico e profondo tra amicizia, amore, etica, spirito di sopravvivenza e scoperta di cosa siamo veramente o cosa potremmo essere al di là degli schemi sociali. Drammaturgia contemporanea e allestimento asciutto, inaspettate risate in una suspence continua.

Successivamente​ lo spettacolo sarà in scena dal 19 al 27 maggio al Teatro Elfo Puccini di Milano.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi