Tglff, il festival è già sold out.

19_crescentini-minerba-grandi-moleSi è svolta la cerimonia di inaugurazione alla presenza di ospiti e istituzioni del Torino Gay e Lesbian Film Festival. Davanti a un folto pubblico, è salita sul palco l’attrice Carolina Crescentini, madrina della serata. Dopo la lettura di alcuni brani tratti dal libro “Corti d’autore”, realizzato da 16 scrittori in occasione del trentennale del festival, si è esibita la cantante Irene Grandi, guest star musicale della serata.

Al termine della prima parte della serata, è stato proiettato in anteprima italiana il film 54: The Director’s Cut di Mark Christopher, con il regista presente in sala per rispondere alle domande del pubblico.

Il programma del 1° e del 2 maggio: Concorsi, incontri letterari e “Non so perché ti odio”

Zomer3_lrAlle ore 16,15 del 1° maggio, in Sala 1, sarà proiettato l’olandese Zomer (Summer) di Colette Bothof, che sarà in sala insieme all’autrice Marjolein Bierens. Nel film, in un’atmosfera omertosa e benpensante, la giovane Anne incontra la libera e disinibita Lena.

La presentazione sarà preceduta dall’esibizione dell’arpista Cecilia. Sempre in Sala 1, alle 20,30, Cuba sarà protagonista nel film Vestido de novia (His Wedding Dress) che segna l’esordio alla regia di Marilyn Solaya, presente in sala. Ambientato negli anni ’90 a L’Avana, è un ritratto della Cuba machista e repressiva di una volta. Prima del film, si esibirà il cantautore Didie Caria. La giornata si chiuderà con l’australiano Drown, in Sala 1, alle 22,30, presentato dal regista Dean Francis. Brutale e lirico, un film tra Point Break e Brotherhood. A introdurlo Cecilia all’arpa.

Il Concorso continua il 2 maggio, alle ore 20,30 in Sala 1, con L’Art de la fugue di Brice Cauvin, che sarà presente in sala. Il film è una commedia degli amori ispirata a un romanzo dell’americano Stephen McCauley. Il cantautore Cosimo Morleo introdurrà la proiezione.

Venerdì 1° maggio, alle ore 18 in Sala 2, sarà proiettato Je suis à toi (All Yours) di David Lambert, presentato dal distributore Philippe Tasca. David Lambert, che nel 2010 vinse il Premio della Giuria al TGLFF con il corto Vivre encore un peu, dirige un film toccante, fuori da ogni moralismo, un inno alla tolleranza globale.

Alle ore 22.40, ancora in Sala 2, Never di Brett Allen Smith. Un regista 23enne, primo ruolo per Zelda Williams (figlia dello scomparso Robin) e per Zachary Booth ormai “boy star” a tutti gli effetti. Le proiezioni del Premio Queer proseguono sabato 2 maggio alle ore 22.45 in Sala 2 con A escondidas (Hidden Away) di Mikel Rueda che sarà presente in sala. Il film racconta la storia di due adolescenti e del loro rapporto.

Ha inizio il 1° maggio alle ore 18, in Sala 3, il Concorso cortometraggi: tra gli otto film in programma, Dragen (The Kite) sarà presentato dal regista Lasse Nielsen. Il 2 maggio, alle ore 20,45, proseguiranno le proiezioni dei corti, con altri 7 film. Tra essi, Wannabe sarà presentato dal regista Marco Calabrese, mentre Gabriel sarà introdotto dall’attore protagonista, Leo Castro.

Continuano gli appuntamenti letterari del Torino Gay & Lesbian Film Festival, ospitati dal Circolo dei Lettori. Il 1° maggio, alle ore 18, Francesca Vecchioni presenta il suo libro T’innamorerai senza pensare, edito da Mondadori. La giornalista Silvia Garbarino coordinerà l’incontro. Il 2 maggio, alle ore 18, Margherita Giacobino dialogherà con la scrittrice Consolata Lanza del suo ultimo libro Ritratto di famiglia con bambina grassa (Mondadori).

Il TGLFF ha organizzato, in collaborazione con l’Ordine degli Psicologi e il Coordinamento Torino Pride, l’incontro “Non so perché ti odio”, che si svolgerà sabato 2 maggio alle ore 9,30 presso la Sala 2 del Cinema Massimo. L’incontro prende il titolo dall’omonimo film di Filippo Soldi, che sarà proiettato alle ore 10,30 a conclusione dell’evento. Interverranno: Giovanni Minerba (direttore TGLFF), Alessandro Lombardo (Presidente Ordine degli Psicologi Piemonte), Pier Luigi Gallucci e Chiara Crespi (Gruppo di lavoro “Orientamenti sessuali e identità di genere”, Ordine degli Psicologi Piemonte), Alessandro Battaglia (Coordinatore Torino Pride), Filippo Soldi (regista), Maria Spanò (Consigliera di Fiducia dell’Università di Torino). Modera: Silvano Bertalot (Esperto di Comunicazione).

Inoltre, venerdì 1° maggio in Sala 2 alle ore 20,40, saranno protagonisti i corti di animazione scelti da Massimo Fenati che li presenterà insieme a Maria Balzarelli, regista di Scroscio d’amore, cortometraggio che fa parte dello slot, composto in totale da 12 film. Il regista torinese Roberto Cuzzillo presenterà, alle ore 22,40, in Sala 3, i suoi due film, inclusi nella sezione “Km 0: gli italiani”, Polaroid e Non accettare i sogni dagli sconosciuti. Sabato 2 maggio, alle ore 18, toccherà a Max Croci, regista milanese cui il festival ha dedicato un omaggio. Saranno proiettati, in Sala 1, dieci cortometraggi selezionati tra le sue migliori produzioni, all’interno di un evento che porterà in sala, oltre al regista, anche le attrici Alessandra Faiella, Justine Mattera e Carla Signoris, protagoniste di alcuni dei film proiettati. Alla stessa ora, in Sala 3, continuerà lo spazio dedicato alle proiezioni italiane con sei cortometraggi, alcuni dei quali presentati dai registi in persona. Fra questi il primo episodio di Fuori, webserie girata da Ilaria Luperini e Chiara Tarfano, che saranno presenti insieme a Nicole Bonamino, hockeista e protagonista dell’episodio, che nel 2014 ha fatto coming out durante le Olimpiadi di Sochi. In sala saranno presenti anche Alessandro Sena, co-regista con Alessandro Massara di Tanaliberatutti, e Giuseppe Carleo, regista di Officium.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi