Molise Cinema, al via con Nanni Moretti.

molisecinemaSarà Nanni Moretti l’ospite d’onore per l’anteprima di Molisecinema 2015. Domenica 2 agosto Moretti incontrerà il pubblico del festival in occasione della proiezione speciale del suo ultimo film, Mia madre, che vede tra gli interpreti, oltre allo stesso Moretti, Margherita Buy, Giulia Lazzarini e John Turturro. Il film, presentato in concorso durante la scorsa edizione del Festival di Cannes, è in programma alle 20:30 al CinemaTeatro di Casacalenda.

A Nanni Moretti il festival dedicherà altri due appuntamenti, per conoscere più da vicino la storia, i luoghi e i retroscena di alcune delle sue opere più celebri.

DSC02151Un ospite d’eccezione, quindi, per accendere i riflettori su questa tredicesima edizione del festival, che è stata presentata in conferenza stampa alla Casa del Cinema di Roma da Federico Pommier Vincelli, direttore artistico della manifestazione insieme a Gabriele Antinolfi, direttore della Cineteca nazionale (partner del festival).

Tanti i registi, gli attori e i protagonisti del mondo del cinema e della cultura che dal 4 al 9 agosto animeranno i luoghi del festival. L’apertura ufficiale ci sarà martedì 4 agosto, con Edoardo Leo protagonista del reading musicale “Ti racconto una storia…letture semiserie e tragicomiche”. E, ancora, saranno ospiti di MoliseCinema: Riccardo Rossi, Daniela Marra, Stefano Fresi, Giulio Manfredonia, Silvia D’Amico, Janet De Nardis, Guglielmo Favilla e Rosaria Russo, solo per citarne alcuni.

DSC02158E tra gli ospiti internazionali l’indiana Vishakha Singh. La star del cinema di Bollywood, ex modella, oggi attrice e produttrice di successo, oltre che paladina dei diritti delle donne, è stata scoperta dal famoso regista Ashutosh Gowarikar (“C’era una volta in India”, nomination all’ Oscar 2002 come miglior film straniero) e lanciata nel film “Khelein Hum Jee Jaan Sey” col quale ha ricevuto nel 2011 una nomination come migliore attrice agli Stardust Awards, l’equivalente indiano degli Oscar. Ma il film che nel 2013 l’ha resa una vera e propria celebrità in tutto il continente è “Kanna Laddu Thinna Aasaiya”, irresistibile blockbuster indiano sulla scia di “Tutti pazzi per Mary”, dove la Singh è corteggiata da tre inseparabili amici che perdono la testa per lei: questo film e la sua colonna sonora figurano tra i più grandi successi di sempre dell’industria cinematografica indiana.

vishakha-singhIn India Vishakha Singh è conosciuta anche per il suo impegno contro ogni forma di ingiustizia e discriminazione: nella lotta contro il razzismo (campagna Dark Is Beautiful), per i diritti della comunità non-eterosessuale (LGBT) e in difesa delle donne nelle questioni relative a infanticidio, istruzione, stupro e parità di retribuzione.

Vishakha Singh sarà anche nella giuria internazionale di MoliseCinema 2015, insieme a Chris Richmond e Luca Briasco.

“E’ con lo stesso stupore del Totò pasoliniano di Uccellacci e uccellini raffigurato nel nostro annuale manifesto – ha affermato Federico Pommier –  che MoliseCinema presenta il suo programma 2015. Stupore perché se guardiamo all’indietro non ci sembra quasi vero di essere arrivati alla 13° edizione e di avere già un bel pezzo di storia alle spalle. E come dei genitori di fronte a un figlio che entra impetuosamente nei 13 anni dell’adolescenza, noi dell’associazione MoliseCinema guardiamo con sorpresa alla crescita di questo festival che diventa sempre più consapevole, dinamico e inclusivo.Riccardo Rossi Vishakha Singh Daniela Marra Andrea Jublin Con MoliseCinema non facciamo altro che integrare due fonti energetiche che altrimenti non si incontrerebbero mai, il cinema più giovane e innovativo e il territorio molisano, che decidono di mescolarsi in questa fitta sei giorni di film, spettacoli, incontri ed eventi, creando un flusso virtuoso di immagini, parole ed emozioni.  Con MoliseCinema abbiamo verificato che la formula festival si rivela particolarmente vincente per i piccoli centri che possono così colmare le carenze strutturali e dell’offerta culturale con eventi “intensivi” e partecipativi. E non si tratta di uno sforzo temporaneo perché una volta spente le luci del palco il festival lascia sul territorio tante idee, esperienze e forza creativa. La nuova edizione del nostro concorso internazionale per cortometraggi, molti dei quali presentati in anteprima italiana o internazionale, presenta lavori di alta qualità che vengono da ogni parte del mondo e che affrontano i temi più sensibili della contemporaneità: la crisi, i conflitti, il disagio, i rapporti intergenerazionali. Allo stesso modo il concorso per cortometraggi italiani denota la vitalità del nostro cinema breve a cui è proprio il sistema dei festival a dare visibilità.
Nel corso di questi anni MoliseCinema ha seguito le traiettorie di molti autori di corti che poi si sono cimentati con il lungometraggio, per cui il concorso per opere prime e seconde è anche un modo per accompagnare i registi che sono cresciuti insieme a noi. E nei documentari del concorso “Frontiere” troviamo film che pur nella diversità stilistica e tematica sanno leggere con acume e profondità la realtà italiana MoliseCinema è anche l’occasione per incontrare i protagonisti del cinema e saranno tanti i registi, i produttori, gli attori e le attrici, anche internazionali, che verranno a Casacalenda per presentare i loro lavori e dialogare con il pubblico”.

“La sezione retrospettiva – ha proseguito il direttore artistico – è dedicata quest’anno al cinema di Pier Paolo Pasolini, probabilmente il più grande intellettuale dell’Italia repubblicana, figura profetica e visionaria, che ancora oggi, a 40 anni dalla morte, ci svela con i suoi film, i suoi scritti e i suoi versi le contraddizioni storiche del nostro paese e del nostro tempo. E nel segno di PPP inauguriamo una partnership prestigiosa con la Cineteca nazionale-Centro sperimentale di cinematografia, con la mostra “Pasolini sul set” composta da fotografie in gran parte inedite. Speriamo negli anni prossimi di rafforzare questa importante collaborazione, coinvolgendo anche le amministrazioni regionali e dando finalmente avvio a una Film Commission istituzionale. Accanto a Pasolini dedichiamo un omaggio a un altro grande protagonista della cultura italiana come Nanni Moretti, anch’egli a suo modo profetico e rivelatore, e che sentiamo particolarmente vicino perché incarna il cinema in tutto lo svolgersi della sua filiera: regista, attore, produttore, direttore di festival, distributore, esercente, spettatore…Nanni sarà il protagonista di una sorprendente anteprima del festival. Ci sarà poi un focus sulle web serie e i nuovi linguaggi audiovisivi, il concorso “Molisani nel mondo- Short food movie”, dedicato al rapporto tra cibo e origini e che ha coinvolto le comunità molisane all’estero, una riflessione attraverso il cinema sul 70° anniversario della Liberazione, i libri, i concerti, le degustazioni, i laboratori per i più piccoli e tanti altri eventi speciali. Il legame di MoliseCinema con il territorio, anzi con la terra, diventa sempre più stretto e quest’anno il festival promuove anche un progetto di film-documentario ispirato al viaggio in Molise di Francesco Jovine.
Il festival, come è facile immaginare, costa un’enorme fatica organizzativa, ed è reso possibile da uno straordinario gruppo di lavoro fatto di persone serene ed entusiaste. La passione, però, non basta. E questo piccolo, grande patrimonio culturale che è diventato nel corso degli anni MoliseCinema deve fare definitivamente un salto di qualità e diventare una struttura più stabile e solida, sia dal punto di vista istituzionale, magari evolvendosi in fondazione, che dal punto di vista economico-organizzativo, coinvolgendo maggiormente i partner privati. Siamo stupiti, sì, del cammino fatto, ma anche determinati a proseguire la strada che abbiamo davanti. Proprio come Totò…”.

Riccardo Rossi e Vishakha Singh

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi