Al via il IX Roma Fiction Fest.

Inizia mercoledì 11 novembre, la nona edizione del RomaFictionFest, un brand dell’Associazione Produttori Televisivi, prodotta da Fondazione Cinema per Roma, sostenuta da Regione Lazio e Camera di Commercio di Roma, con il coordinamento artistico di Piera Detassis.

Print

La serata di apertura ospiterà Fuori Concorso, alle ore 21 presso l’Auditorium Conciliazione, il nuovo tv movie di Marco Tullio Giordana, Lea, coprodotto da Rai Fiction e Bibi Film Tv di Angelo Barbagallo con il sostegno della Regione Lazio-Fondo Regionale per il Cinema e l’Audiovisivo e il contributo della Apulia Film Commission.

Lea_di_MarcoTullioGiordana_VanessaScaleraMarco Tullio Giordana – autore de I cento passi, film nominato al Golden Globe, vincitore di cinque David di Donatello, e de La meglio gioventù, esempio eccellente di osmosi tra cinema d’autore e serialità, premiato a Cannes e, successivamente, con sei David – dirige un potente political crime, racconto civile e storia vera ispirata alle drammatiche vicende di Lea Garofalo, vittima della ‘ndrangheta. Sul red carpet delle ore 20.15, accanto al regista, Vanessa Scalera, Linda Caridi, Alessio Praticò, Mauro Conte. Introdurrà la nona edizione del RomaFictionFest, Simona Tabasco, la giovane testimonial della manifestazione, reduce dal successo della nuova serie È arrivata la felicità, in cui interpreta il personaggio di “Nunzia”.

The-Last-PanthersNel giorno inaugurale della manifestazione, alle ore 19 presso la Sala 4 del Cinema Adriano, il programma del Fuori Concorso proporrà in prima mondiale l’episodio uno di The Last Panthers, la nuova coproduzione internazionale di sei puntate, voluta da Sky Atlantic UK e Canal+, in onda in Italia dal 13 novembre su Sky Atlantic Hd. Firma la serie Johan Renck, l’ecclettico autore di Breaking Bad e The Walking Dead, mentre la sigla di apertura è opera del duca bianco David Bowie; nel cast Samantha Morton, candidata a due premi Oscar® e vincitrice del Golden Globe, il premio César Tahar Rahim, e John Hurt, due volte candidato all’Oscar®, straordinario interprete al fianco di maestri del cinema come Ridley Scott, Alan Parker, David Lynch, Michael Cimino, Sam Peckinpah, Robert Zemeckis. A presentare la serie sul palco del Cinema Adriano, Peter Carlton, già produttore di This is England, film premiato alla Festa del Cinema nel 2006.

Alle ore 15, la Sala 4 ospiterà la prima delle sei masterclass della nona edizione, protagonista Steven Van Zandt, in arte Little Steven, chitarrista e icona del rock, al fianco di Bruce Springsteen nella leggendaria E-Street Band, reso celebre dalla sua interpretazione nella serie televisiva HBO I Soprano. Van Zandt sarà Presidente della giuria della Concorso Internazionale e riceverà il RomaFictionFest Excellence Award. La masterclass sarà preceduta dalla proiezione del primo episodio della terza stagione di Lilyhammer, diretto dallo stesso Van Zandt: tra gli attori, il suo fraterno amico Bruce Springsteen.

Alle ore 15 presso la Sala 5 del Cinema Adriano, saranno presentati i primi vincitori del Bando Creativi Digitali – Progetto Zero, l’avviso pubblico bandito nel 2013 dalla Regione Lazio per sostenere startup di progetti audiovisivi proposti da giovani under 35. L’evento sarà introdotto da Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio, e Luciano Sovena, Presidente della Fondazione Roma Lazio Film Commission.

La Sala 7 del Cinema Adriano ospiterà le prime proiezioni delle sezioni Period Drama e Serial Crime. Alle ore 14.30, il primo episodio della miniserie televisiva Wolf Hall diretta da Peter Kosminsky plurinominata agli  ultimi Emmy e tratta dai romanzi di Hilary Mantel. Ambientata alla corte di Enrico VIII vanta tra gli interpreti Damian Lewis, Jonathan Pryce, Mathieu Amalric e il prossimo Spider-Man Tom Holland. Per Serial Crime alle ore 17.30 Wataha, diretta da Michał Gazda e Kasia Adamik, produzione polacca che affronta il tema attualissimo dell’immigrazione, ambientata al confine tra Ucraina e Polonia, in un piccolo e pacifico villaggio polacco colpito da una bomba che uccide diverse persone e alcune guardie di confine.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi