Benito Gonzalez a Piazza Vittorio

I porticati di Piazza Vittorio per una notte risplenderanno di luce e risuoneranno con le note delle formidabili dita del maestro di origini Venezuelane Benito Gonzalez, giovedì 28 giugno alle 21.

Nato in una famiglia di musicisti venezuelani, folk e jazz il pianista Benito Gonzalez conserva fortemente le sue radici nel passato e nella tradizione. Considerato oggi una stella nascente del panorama americano, Benito sottolina come questo sia stato possibile grazie all’aver seguito le orme dei suoi antenati, fondendo poi ritmi da tutto il mondo con un jazz molto lineare.
Il suo tocco magico al pianoforte sia che suoni ballate o pezzi swing, lo rendono amato ovunque.
Benito Gonzales è stato riconosciuto come un pianista e compositore emozionante sia dal suo album di debutto “Starting Point”, arrivato primo al Great American Jazz Piano Competition.

gatsby benitoNel secondo acclamatissimo album “Circles (con Ron Blake, Myron Walden, Azar Lawrence, Christian McBride, Jeff “Tain” Watts), emerge come leader e grande improvvisatore.

Recentemente, Benito ha ricevuto molta attenzione da parte della critica per il suo lavoro “Seeds for Underground” al Garrett’s Grammi-Nominated.

Dopo sette anni di tour con Kenny Garrett, Benito partecipa a numerosi festival internazionali di jazz chef anno salire la sua fama.

Divide il palco con Curtis Fuller, Pharaoh Sanders, Bobby Hutcherson, Christian McBride, Ignacio Berroa, Roy Hargrove, Rene McLean, Steve Turre,Delfeayo Marsalis,Hamiet Bluiett, Antonio Sanchez, T.K. Blue, Nicholas Payton, Azar Lawrence, and Jackie McLean.

Il suo talent multiculturale lo porta a frequentazioni con musicisti di fama mondiale, dai maestri americani di jazz come Kenny Garrett and Azar Lawrence, a musicisti dell’Africa occidentale e persino ad artisti latini, nonché ad essere produttore per molti artisti venezuelani.

Attualmante Benito è in tour attraverso numerosi jazza clubs e festivals anche in Europa.

Tra questi non poteva mancare il Gatsby, che da più di un anno illumina le notti di una delle zone più “buie” e tristemente conosciute di Roma, facendola risplendere come agli antichi fulgori, portando gioia e musica di qualità oltre le mura del locale, invadendo allegramente il porticato, restituendogli la sua natura di luogo d’incontro e divertimento per residenti e passanti. Il tutto in collaborazione con il birrificio a km0: Birradamare!

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi