Come Don Chisciotte e Sancho Panza

Dopo il successo della serie Il Nome della Rosa, il legame tra Turturro e l’Italia è ormai consolidato. Quintana è tornato; scritto e diretto da John Turturro, che torna a vestire i panni di Jesus Quintana, il campione di bowling più irriverente di sempre, già da lui interpretato nel cult Il Grande Lebowski dei fratelli Coen.

Jesus è al centro di una vicenda che lo vede parte di un trio di disadattati in fuga dalla legge, insieme a Bobby Cannavale e Audrey Tautou, in una versione ‘per adulti’ mai vista prima. Nel cast anche Susan Sarandon, Jon Hamm, Sonia Braga e una partecipazione straordinaria di Christopher Walken. Il loro viaggio si trasformerà presto in una fuga continua – dal folle parrucchiere, dalla legge e dalla società – durante la quale si svilupperà una particolare dinamica, che da amicizia accidentale evolverà in una storia d’amore fuori dagli stereotipi convenzionali…

Turturro durante la presentazione del filma Roma rimarca la paternità del personaggio di Jesus: “Lui era un personaggio che avevo già incominciato a creare prima della realizzazione di Il Grande Lebowski. Mi ero ispirato ad una commedia che avevo portato al Public Theatre nel 1988 e l’idea e’ piaciuta molta ai fratelli Coen che ne hanno fatto una versione più caricata. In questo film mi interessava esplorare questo personaggio insieme a Bobby, questa è la chiave”.

GP 8-24-16-446.CR2

“Il film – continua Turturro – credo che celebri la generosità e gli esseri umani che non hanno potere, i cosiddetti powerless”. Su questi personaggi emarginati in continua ricerca, interviene Bobby Cannavale: “Devo dire che anche io amo molto la generosità che viene fuori dai personaggi e dal film in generale. E’ un film che va a toccare gli emarginati, in fondo non sappiamo questi personaggi cosa ma sappiamo che stanno cercando. Questa idea che sottintende il film è estremamente ottimista per me, i due incontrano una donna, si aiutano tra loro, tre è un bel numero. Ho accettato la parte subito, quando chiama John non faccio troppe domande”.

Nel descrivere il rapporto tra il suo Jesus e Pete, Turturro cita Miguel De Cervantes: “Jesus e Pete sono come Don Chisciotte e Sancho Panza”. D’accordo Cannavale che aggiunge: “Credo che Jesus rappresenti il mentore così che il momento più esaltante della vita di Pete è quando Jesus esce di prigione. Don Chisciotte ha bisogno di Sancho per andare avanti. Pete si rifa’ a JESUS, lo emula e scopre delle cose molto belle di
sè proprio grazie a lui”.

Jesus Rolls – Quintana è tornato sarà distribuito nelle sale italiane da Europictures a partire da giovedì 17 ottobre 2019, in anteprima mondiale.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi