Si vive una volta sola

Dal 26 febbraio, Si vive una volta sola, l’ultimo film di e con Carlo Verdone, scritto con la collaborazione di Giovanni Veronesi e Pasquale Plastino. Nel cast anche Anna Foglietta, Rocco Papaleo, Max Tortora e Mariana Falace.

SVUVS_GDV_0566-69Quattro amici medici costruiscono la loro amicizia di una vita sullo scherzo e l’ironia. Amedeo (Rocco Papaleo), il più vessato dei quattro, decide di cambiare abitudini e dice basta agli scherzi, ma all’improvviso ad Amedeo viene diagnosticata una malattia incurabile di cui non conosce i risultati perché nascosti dai tre amici, così tutti insieme decidono di organizzare un viaggio in suo onore verso la Puglia, con l’intento di rivelargli l’esito al momento opportuno, con un inaspettato colpo di scena finale.

Si Vive Una Volta Sola è una irresistibile, beffarda radiografia dei nostri tempi del regista romano che ancora una volta ci regala uno spaccato del presente attraverso il suo sguardo acuto, dissacrante e sempre originale.

“Il tema dello scherzo è presente e va avanti per una parte, ma cambia direzione all’improvviso – afferma Carlo Verdone – Il nostro è stato comunque un copione delicato da girare per la tematica della malattia, semplice sulla carta, ma con il bisogno di un certo spessore. Sono quarant’anni che lavoro in questo settore, ma era arrivato il momento, per me, di collaborare in modo più affiatato con gli attori, mi piace stare in mezzo agli altri, credo proprio che il mio futuro sarà la coralità”.

Problematico il rapporto che Carlo Verdone – nei panni di Umberto Gastaldi – ha con la figlia Albertina (Mariana Falace), un’aspirante soubrette cui piace mostrarsi in biancheria intima in programmi tv di bassa lega. “Umberto Gastaldi – dice il regista – è un uomo realizzato nella vita professionale ma non nella famiglia. E’ arido dal punto di vista sentimentale. Quanti ne conosco che nella vita professionale sono dei fenomeni, ma poi hanno una vita privata fallimentare”.

foto © Giuseppe Di Viesto 2019

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi