Il giorno dei Guardiani

L’attesa dei fan Marvel è terminata. Oggi al festival internazionale del Film di Roma alle 17 arrivano i Guardiani della Galassia per la sezione autonoma e indipendente Alice nella Città.

Guardiani_della_Galassia_filmCampione d’incassi in tutto il mondo, sarà al cinema dal 22 ottobre, distribuito da “The Walt Disney Company Italia”. Diretto da James Gunn, vanta un cast stellare: Chris Pratt, Zoe Saldana, Dave Bautista, Vin Diesel, Bradley Cooper, Lee Pace, Michael Rooker, Karen Gillan, Djimon Hounsou, John C. Reilly, Glenn Close e Benicio Del Toro.

In occasione dell’anteprima nazionale luci spaziali e musiche futuristiche, posizionate sul red carpet dell’Auditorium Parco della Musica, accoglieranno i piccoli e grandi ospiti. I fan, inoltre, potranno avere la propria foto con i protagonisti dell’epica avventura, riprodotti su uno speciale fondale fotografico in cui integrarsi e confondersi. Tra gli ospiti anche Dario Ballantini, poliedrico artista contemporaneo, reduce dalla realizzazione di due Murales a Miami. Da sempre appassionato dei fumetti Marvel, sono stati questi la sua prima formazione di disegnatore e, in qualche modo, da questi è nato il suo sogno di impersonificare i “Supereroi”, sogno realizzato poi con le mille maschere che si è disegnato addosso.

In esclusiva per Disney, il cake designer italiano Renato Ardovino (www.letortedirenato.it) ha realizzato la speciale torta di Guardiani della Galassia che riproduce due dei protagonisti del film in una nuova versione tutta da “gustare”.

Guardiani della Galassia è un’avventura epica che proietta l’universo cinematografico Marvel nello spazio infinito. L’audace esploratore Peter Quill è inseguito dai cacciatori di taglie per aver rubato una misteriosa sfera ambita da Ronan, un essere malvagio la cui sfrenata ambizione minaccia l’intero universo. Per sfuggire all’ostinato Ronan, Quill è costretto a una scomoda alleanza con quattro improbabili personaggi: Rocket, un procione armato; Groot, un umanoide dalle sembianze di un albero; la letale ed enigmatica Gamora e il vendicativo Drax il Distruttore. Ma quando Quill scopre il vero potere della sfera e la minaccia che costituisce per il cosmo, farà di tutto per guidare questa squadra improvvisata in un’ultima, disperata battaglia per salvare il destino della galassia.

Ma il Festival celebra anche Marco Risi con la proiezione in prima mondiale del suo nuovo film, Tre tocchi, in programma martedì 21 ottobre, alle ore 20 presso la Sala Petrassi dell’Auditorium Parco della Musica. Il regista, sceneggiatore e produttore milanese, David di Donatello per Ragazzi fuori, Globo d’oro per Fortapàsc, da sempre impegnato nel cinema sociale con pellicole come Soldati – 365 all’alba e Mery per sempre, porta sul grande schermo le storie di sei attori fra passioni e frustrazioni, gioie e delusioni, successi e fallimenti: vite profondamente diverse ma accomunate da due grandi passioni, il calcio e il lavoro. Tre tocchi, nella linea di programma Gala, offre uno sguardo differente sul mondo del cinema e dei suoi interpreti, spesso considerati dal pubblico una categoria privilegiata. Nel cast, Massimiliano Benvenuto, Leandro Amato, Emiliano Ragno, Vincenzo De Michele, Antonio Folletto, Gilles Rocca, Gianfranco Gallo, Valentina Lodovini, Francesca Inaudi, Matteo Branciamore, Jonis Bascir, Luca Argentero, Marco Giallini, Claudio Santamaria, Maurizio Mattioli, Paolo Sorrentino.

Cinema d’oggi proporrà, alle ore 19.30 in Sala Petrassi, la prima europea di Dólares de Arena (Sand Dollars) di Laura Amelia Guzmán e Israel Cárdenas, che firmano insieme il loro quarto lungometraggio dopo Cocochi, premiato al Festival di Toronto, Jean Gentil, presentato in numerosi festival internazionali, e il documentario Carmita. Nel cast, la grande attrice statunitense Geraldine Chaplin, che ha attraversato sessanta anni di cinema, prendendo parte a film che hanno fatto storia come L’età dell’innocenza di Martin Scorsese, Jane Eyre di Franco Zeffirelli e Il dottor Zivago di David Lean. Dólares de Arena racconta le contraddizioni di una “relazione impossibile”, quella fra Noelí, una giovane dominicana che cerca di vivere di “marchette” con i turisti di Las Terrenas, e una sua cliente fissa, una matura donna francese che ha scelto sull’isola il rifugio ideale per trascorrere i suoi ultimi anni: la ragazza vuole andare a vivere a Parigi con l’anziana ma i sentimenti tra le due si fanno più profondi…

Alle ore 22.30 in Sala Sinopoli, nella linea di programma Mondo Genere, sarà la volta di Tusk di Kevin Smith, regista di film cult come Clerks, Generazione X e Dogma, conduttore di numerosi show su YouTube, autore di libri, graphic novel e sceneggiatore di fumetti. Il cast ospita numerose star: Michael Parks, noto per le sue collaborazioni con Robert Rodriguez (Dal tramonto all’alba, Planet Terror) e Quentin Tarantino (Kill Bill Vol.1 e Vol.2, Death Proof, Django Unchained) e per i ruoli in serie tv come I segreti di Twin Peaks e Walker Texas Ranger; Justin Long, celebre attore di serie tv (Ed, New Girl) e di film di successo quali La verità è che non gli piaci abbastanza, Die Hard – Vivere o morire e ­Drag Me to Hell; Haley Joel Osment, “enfant prodige” del cinema hollywodiano, nominato a soli undici anni all’Oscar per il suo ruolo ne Il sesto senso e interprete per Steven Spielberg di A.I. – Intelligenza Artificiale; Genesis Rodriguez, attrice di cinema e televisione, interprete di Hours con Paul Walker; Johnny Depp (da riconoscere sotto un trucco che gli cambia i connotati), considerato uno dei più grandi attori della sua generazione che ha collaborato con straordinari registi quali Tim Burton, Terry Gilliam, Gore Verbinski, Michael Mann, Rob Marshall. Tusk è la storia di Wallace, che parte per intervistare un adolescente che si è tagliato una gamba giocando con una spada. Quando scopre che il ragazzo è morto, entra in contatto con un ex viaggiatore costretto su una sedia a rotelle, che lo incanta con le sue avventure. Mentre lo ascolta, Wallace beve uno strano intruglio e sviene all’improvviso; si risveglia, disorientato, su una sedia a rotelle e con una coperta sulle gambe.

La linea di programma Prospettive Italia presenterà alle ore 17 in Sala Petrassi, Roma Termini, primo lungometraggio di Bartolomeo Pampaloni, regista fiorentino che ha mosso i primi passi a Parigi come videoassistant, regista di documentari e cortometraggi presentati in festival come il ViaEmiliaDocFest, Videopolis, Roma Creative Contest, Amarcort, Corto Dorico, Pillole di Attualità. Il documentario porta in scena il micro mondo che abita la stazione di Roma Termini, la seconda più grande d’europa: non un punto di passaggio ma un luogo di vita, dove cercare da mangiare, ripararsi, chiedere l’elemosina, barattare, nascondersi e dormire; senza troupe e senza sceneggiatura, l’autore mostra l’anima più profonda e meno conosciuta degli “invisibili” che vivono questa immensa anonima abitazione.

Al Teatro Studio Gianni Borgna la retrospettiva dedicata al cinema gotico italiano presenterà alle ore 15 La cripta e l’incubo di Camillo Mastrocinque e alle 18 Il castello dei morti vivi di Luciano Ricci e Lorenzo Sabatini.

Al Multisala Barberini le repliche di Giulio Cesare – Compagni di scuola di Antonello Sarno (ore 16), Mauro di Hernán Rosselli (ore 18), Obra di Gregorio Graziosi (ore 19.30) e My Italian Secret – The Forgotten Heroes di Oren Jacoby (ore 22.30).

jackalMolti gli appuntamenti al MAXXI: alle ore 11 sarà proiettato Non so perché ti odio, documentario di Filippo Soldi sulla violenza omofoba, raccontata dalla voce di chi l’ha subita e di chi, invece, l’ha praticata o la giustifica: un viaggio alle radici dell’odio che è anche l’occasione per parlare di cyber-bullismo e hate speech. Alle ore 16.30, “Rebels with a cause. Storie e ritratti”, un backstage dietro le storie “challenger” di Mazda che aiuterà a conoscere come si è evoluto il video negli ultimi anni e come, dal cinema, si è passati alle piattaforme digitali per coinvolgere il pubblico e trasformare una visione passiva in un’esperienza interattiva. Alle ore 18, i membri di The Jackal, casa di produzione di nuova generazione attiva su social network, web e tv e resa celebre dal blockbuster Gli effetti di Gomorra la serie sulla gente (parodia della serie tv Sky “Gomorra”) incontreranno Salvatore Esposito, protagonista della serie per discutere di video on e offline e di serie tv italiane e internazionali.

Il programma di Alice nella città proporrà alle ore 11, in Sala Sinopoli, Song of the Sea di Tomm Moore, alle ore 14, al MAXXI, Elementare, appunti di un percorso educativo di Franco Lorenzoni e (come anticipato) alle ore 17, in Sala Sinopoli, Guardians of the Galaxy (Guardiani della galassia) di James Gunn.

guardiansFino al 26 ottobre, il Villaggio del Cinema presso l’Auditorium Parco della Musica ospita Roma Food Story, la nuova area food del Festival Internazionale del Film di Roma: un’esperienza culinaria unica che consente al pubblico della nona edizione di scegliere fra un’ampia selezione di piatti della tradizione romana, “cibo da cinema” rivisto in modo originale e creativo, vini di qualità e gustosi dolci.

Presso la Trattoria si alternano alcune delle realtà più interessanti della scena culinaria della Capitale: dopo “L’oste della bon’ora” dello chef Maria Luisa Zaia, con la sua Amatriciana in Cornucopia e la trippa alla romana, Loretta Mancinelli di “Roberto e Loretta” propone (fino al 20 ottobre) altri classici della cucina locale fra cui la minestra di arzilla e broccolo romano e la coda alla vaccinara. Dal 21 al 23 sarà la volta dell’“Osteria Flavio al Veloavevodetto” con Flavio De Maio che offrirà nel suo menù ulteriori gustosi piatti tradizionali, come i tonnarelli cacio e pepe e lo stufatino di manzetta maremmana con patate. Dal 24 al 26, Nicola Delfino di “Benito al Ghetto” presenterà al pubblico del Festival le sue fettuccine fondenti guanciale e carciofi e il baccalà alla romana. I menù completi sono disponibili su www.romafoodstory.it.

Per l’intera durata della manifestazione, dalle ore 9 all’una di notte, accanto alla Trattoria, è allestito uno spazio legato ai cibi da cinema, reinterpretati secondo la tradizione locale: i pop corn o nachos verranno sostituiti da fritti alla romana, supplì e alicette; gli hot dog da mortazze o trapizzini. I protagonisti sono: lo chef stellato Cristina Bowerman con il suo “Romeo Chef & Baker”, che propone fra gli altri Noodle al miso di mare e Pita con ragout vegetariano di funghi alla cacciatora; Arcangelo Dandini e il “Supplizio”, supplì di riso classico e crema fritta con mescola di pecorino zucchero e cannella e altri ancora; Angelo Iezzi con una selezione di pizze fra cui quelle all’amatriciana e alla zucca gialla; Marco Rosati per “Frizzo” e i suoi wurstel romani kosher al pollo, peperoni, olive, caciotta, salsa frizzo. I menù completi sono disponibili su www.romafoodstory.it.

Per accompagnare i piatti un’ampia scelta di spumanti, vini bianchi e rossi, passiti, birre

dell’Enoteca Trimani, la più antica di Roma. E, per concludere, Fabrizio De Mauro della cioccolateria Said porta al Festival le sue “dolci creazioni”: fra la tante, la mini baguette con crema spalmabile classica e la ricotta con cioccolata calda.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi