Cartoline & Transizioni.

Al Teatro Studio Uno il 29 gennaio 2015 debutta “Cartoline e transizioni” un monologo per voce sola tratto dal racconto omonimo di Emanuele M. Cerone, riadattato e rivisto insieme all’attrice e performer Francesca Romana Nascè protagonista di questo nuovo lavoro. La piéce si avvale della preziosa collaborazione artistica di Alessandra Caputo, drammaturga e regista, e di Daniele Casolino, anche musicista in scena.

Cartoline e Transizioni_ Teatro Studio Uno_ 29 gen-1 feb 2015_1Una cartolina, gli scatoloni del trasloco della casa dell’infanzia. Una finestra. E una donna alle prese con gli spettri della sua vita, con le vecchie ferite mai del tutto rimarginate, gli amori perduti e mai ritrovati. Sullo sfondo la luce bianca e spietata di un pomeriggio estivo del sud che indaga senza indulgenze una personalità complessa per cui è difficile provare simpatia. ll lavoro di indagine psicologica del personaggio, nasce quasi come una “ricerca sul campo”, considerando il percorso artistico e professionale dell’autore – psicologo – e dell’attrice che per anni ha lavorato come pedagoga nelle comunità psichiatriche.

Cartoline e Transizioni_ Teatro Studio Uno_ 29 gen-1 feb 2015_locIn scena un personaggio che non è “bello” ma pericoloso, torbido e algido e nello stesso tempo tenero, ammiccante che devasta e si fa devastare. Le sue intime e disperate confessioni, senza rimorsi e senza pensieri lasciano trasparire la sua profonda e divorante difficoltà ad amare. L’amore si trasforma tristemente in distruzione, umiliazione di sè o dell’altro, carnefice e vittima senza sensi di colpa.

In un susseguirsi di flash back e rimandi, “Cartoline e Transizioni” senza sentimentalismi e senza alcun tipo di pietismo o ricerca di giustificazioni, racconta una storia di solitudine, triste demone dei nostri tempi dove basterebbero “piccoli gesti” veri e concreti per salvare e salvarci dall’infelicità.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi