Madre Terra, l’arte dei popoli andini.

Avrà luogo il 23 ottobre prossimo alle ore 19.30 presso la galleria d’arte Officine Nove (via Galvani, 9 – zona Tiburtina) la Performance d’arte contemporanea “Madre Terra (Pachamama)” dell’artista Giovanna Vasapollo.
Si tratta di una sorta di rappresentazione che ha per elementi la danza, la musica andina e i colori. Cinque performers (della scuola Movimento Danza Contatto) dipingeranno una grande tela posta sul pavimento attraverso mani e piedi intinti nel colore mentre danzeranno al ritmo di musiche folkloristiche andine. I colori saranno quelli della “Pachamama”, ossia della “Madre Terra” nell’accezione dei popoli andini: Colei che genera ogni cosa, animale e persona. Solo attraverso la comunione con Essa, secondo i popoli andini e sudamericani in genere, si può arrivare al “Vivir bien”, il vivere bene, in senso di realizzazione profonda e spirituale della persona. Una visione che si oppone alla ricerca del “benessere” e del vivere “sempre meglio” dei popoli occidentali, basata invece sull’accumulo di cose e denaro.

La performance ha la durata orientativa di un’ora.

La tela, larga circa 3 metri per 4, frutto della libera espressione del corpo dei danzatori e della “energia” da essi sprigionata durante il movimento, resterà esposta nei due giorni successivi (sabato 24 e domenica 25 ottobre) e l’ultimo giorno, in chiusura, verrà proiettata l’installazione di videoarte ottenuta dalla performance. Sempre domenica 25, Luciano Vasapollo (professore della “Sapienza” di Roma e delegato del rettore per i rapporti internazionali con l’America latina e i Caraibi), alle ore 18.30 presenterà il suo ultimo libro “L’Alba di una futura umanità – eurochavismo per la transizione al socialismo nel XXI secolo”. Il poeta Ali Avni Er leggerà alcune delle sue ultime composizioni.

madre terraSaranno presenti durante le serate le ambasciate di Cuba, Bolivia, Ecuador e Venezuela.
Questo evento vuole inserirsi nel discorso sulla natura e lo sviluppo sostenibile portato avanti da Domenico Vasapollo nel corso della sua attività politica e professionale. A lui, recentemente e prematuramente scomparso, l’evento sarà dedicato.

Giovanna Vasapollo, diplomata all’Accademia di Belle Arti di Roma con il massimo dei voti nel 1995, dopo varie esperienze nel campo del restauro e dei dipinti su vetro (per chiese, abitazioni private ecc.) si dedica decisamente alla pittura non figurativa e materica principalmente su tela.

Partecipa a molte mostre collettive mentre nel 2008 è protagonista di una personale al Chiostro di Sant’Agostino a Caserta, cui segue una mostra presso la Libreria Rinascita di Roma.

Ama sperimentare di continuo nuove tecniche e mescolarle. Attraversa così il periodo dei dipinti
con sabbie colorate e quello delle “opere grafiche” (astratte e simboliche) in bianco e nero. Realizza cover per DVD e copertine di libri per varie case editrici. Dal 2005 inizia una intensa attività di scenografa e costumista per il cinema, la televisione e il teatro.

pachamamaLe chiavi come gli occhi sono sempre al centro delle sue composizioni, diventando il suo segno distintivo.
MADRE TERRA è la sua prima performance live, da cui sarà tratta una videoinstallazione.
Per la Performance: danze a cura di MDC di Monica D’Alonzo; Percussioni: Domenico D’Argenzio; Video a cura di Bruno di Marcello e Giovanni Pianigiani.

L’evento è realizzato in collaborazione con Eus Edizioni, Universitalia, CUS Tor Vergata, Naturaavventura Edizioni.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi