The Lion Guard, il Re Leone in tv.

La grande storia Disney de Il Re Leone ruggisce in TV con tanti nuovi personaggi e avventure su Disney Junior e Disney Channel venerdì 11 marzo alle 20:00 con l’episodio speciale di 45 minuti ‘The Lion Guard: Il Ritorno del Ruggito’. La serie debutterà poi su Disney Junior dal 6 aprile con un episodio a settimana ogni mercoledì alle ore 17.00.

The-Lion-Guard-Il-ritorno-del-ruggito-kidsThe Lion Guard continua l’epica tradizione e lo storytelling de Il Re Leone e segue le avventure di Kion, il secondogenito di Simba e Nala, e il suo variegato gruppo di amici che compongono la Guardia del Leone, uniti dal comune obiettivo di proteggere le Terre del Branco e il Cerchio della Vita.

Nonostante la Guardia del Leone sia sempre stata formata dai leoni più coraggiosi, veloci, feroci e intelligenti delle terre del branco, il protagonista Kion rompe la tradizione reclutando gli amici che incarnano maggiormente queste qualità eroiche. Nell’episodio evento e nella serie, l’eterogenea squadra di giovani animali imparerà a mettere a frutto le proprie qualità per risolvere i problemi e per mantenere la pace nel “cerchio della vita”, presentando ai giovani spettatori una vasta gamma di animali che popolano lo splendido scenario africano.

I personaggi che accompagnano Kion nelle sue avventure sono: Banga il coraggioso tasso del miele, Fuli il ghepardo più veloce, Beshte il forte ippopotamo e Ono l’airone intellettuale dalla vista acuta. The Lion Guard includerà anche i personaggi più conosciuti come: Mufasa, Timon, Pumbaa, Rafiki, Zazu e Kiara, la sorella maggiore di Kion nonché la futura regina della terra del branco.

Amicizia e lavoro di squadra caratterizzano la nuova emozionante serie animata The Lion Guard che continua l’epica tradizione e lo storytelling de “Il Re Leone” seguendo le avventure di Kion, il secondogenito di Simba e Nala, e il suo variegato gruppo di amici che compongono La Guardia del Leone, uniti dal comune obiettivo di proteggere le Terre del Branco e il Cerchio della Vita.

I temi e i personaggi di The Lion Guard sono stati creati e studiati con la consulenza degli esperti di educazione ambientale, che lavorano nel parco a tema Disney ‘Animal Kingdom’; questi hanno fornito suggerimenti sulle caratteristiche, comportamenti e habitat delle specie animali presenti nel film, nonché l’ispirazione per dare vita alle vicende raccontante nel cartoon, che si basano proprio sulla loro esperienza diretta.

Lion-kingInoltre le divertenti avventure della serie rispecchiano pienamente la vita della Savana e rappresentano anche un primo approccio per i bambini con gli animali “esotici”, per conoscerli, rispettarli e insieme emozionarsi.

Dario Rodino, VP General Manager TV Channels and Head of Disney Interactive, ha così introdotto la serie in conferenza stampa: “Siamo orgogliosi di offrire ai nostri telespettatori la magia e il divertimento di The Lion Guard, la nuova serie animata animata che unisce la tradizione e lo storytelling Disney all’innovazione e con storie sempre nuove in grado di coinvolgere ed emozionare il piccolo e grande pubblico. Un’occasione per conoscere e rispettare gli animali, comprendere il significato de Il Cerchio della Vita, declinando quest’esperienza magica anche nel rapporto con gli altri.”
Il responsabile del bioparco Zoom Torino, Daniel Sanchez infatti ha sottolineato: “I bambini che imparano a conoscere gli animali diventano persone più sensibili e migliori perché una volta appresa l’importanza del rispetto verso ogni essere vivente saranno portati a replicare questo comportamento anche con i propri simili e a diventare amanti del mondo che li circonda lasciando sul pianeta una traccia di bontà”.

Ford Riley (Agente Speciale Oso) ha sviluppato l’episodio speciale e la serie, ed è il produttore esecutivo. Howy Parkins (Jake e i Pirati dell’Isola Che Non C’è) è il regista. Christopher Willis (Topolino) è il compositore e Beau Black (Miles from Tomorrowland) è cantante e autore delle canzoni. La scrittrice ed esperta di Swahili Sarah Mirza, è la consulente linguistica e culturale.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi