La La Driver

babyBello e musicale come La La Land, coinvolgente e intenso come Drive. ‘Baby Driver, il genio della fuga’, il nuovo film di Edgar Wright con protagonista Ansel Elgort e con Kevin Spacey, Lily James, Jon Bernthal, Eiza González, Jon Hamm e Jamie Foxx, è un vero gioiello per tutti i palati. E’ buonista e allo stesso tempo cattivo come lo era Le Iene di Tarantino. E poi rivedere Kevin Spacey al cinema, dopo tante puntate di House of Cards, e Django (Jamie Foxx) fare il pazzo criminale che canta ‘Tequila’ mentre uccide chi lo ha solo guardato male (dando le spalle all’imminente esplosione proprio come in Django) è un vero piacere per tutti gli appassionati delle citazioni cinefile.

Nel film un giovane pilota, un ragazzo di pochissime parole, sempre con le cuffiette del suo Ipod alle orecchie, si presta a fughe criminali per saldare un debito, affidandosi nella guida al ritmo incalzante della sua musica. Costretto a lavorare per un boss, infatti, metterà a rischio la vita, la libertà e il suo giovane amore a causa di una rapina destinata al fallimento.

baby-driverCome suggerisce la locandina del film, Baby (Edgar Wright) guida la sua auto come un colpo di proiettile sparato da una pistola. E gli oltre 100 minuti di film si consumano velocemente, dannatamente velocemente, proprio come il moto di una pallottola.

La sceneggiatura del film è parzialmente ispirata al videoclip di Blue Song dei Mint Royale, diretto dallo stesso Wright nel 2003. Sulle note di Bellbottoms dei Jon Spencer Blues Explosion il film inizia con una delle scene più belle del cinema d’azione e subito si pensa alla scelta fatta da James Gunn in Guardiani della Galassia. In questo caso però, come ha dichiarato lo stesso regista, i suoni e le musiche sono centrali: è il montaggio a seguire il tempo dei brani scelti per l’intera durata del film.

baby-driver1Baby Driver arriva al cinema dal 7 settembre con Warner Bros. Entertainment Italia.

edgar-wright-baby-driver

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi