Ilaria Drago si fa in tre.

Una personale di tre giorni dal 24 al 26 aprile, dedicati alla poetica di Ilaria Drago alla Casa delle Culture di Roma.

weil24 aprile ore 21.30
Simone Weil_concerto poetico
scritto, diretto e interpretato da Ilaria Drago.
Musiche, ambienti sonori, luci Marco Guidi
Il corpo e la voce di Ilaria Drago e la musica di Marco Guidi mettono in scena il potente, ineguagliabile ritmo del cuore e del pensiero della donna che fu definita “un miracolo dell’anima e della coscienza umana” e uno degli “ingegni più alti e puri di ogni tempo”. Attraverso la rilettura in forma contemporanea di una delle più grandi pensatrici, filosofe combattenti e poetesse del secolo scorso, la Compagnia Ilaria Drago presenta un progetto in forma di concerto-poetico utilizzando strumentazioni elettroniche dal vivo, musica e rielaborazioni drammaturgiche capaci di rendere la performance di lettura coinvolgente e fruibile.
Spettacolo vincitore del’VIII Edizione del Festival Voci dell’Anima.

25 aprile ore 21.30
MaddalenaMaria
scritto, diretto, interpretato da Ilaria Drago
musiche e ambienti sonori Marco Guidi
luci Max Mugnai
opera in scena Mikulàš Rachlìk
MADDALENAIl canto di Maddalena è una preghiera d’amore per la vita, un fiore che nasce in un arido campo di spini dopo la negazione, dopo gli insulti e le bugie. È la rinascita dopo la perdita, la resurrezione di ogni giorno attraverso uno sguardo nuovo. È il rialzarsi nonostante il dolore, è camminare nonostante le cadute. È dignità. Archetipo, Dea, MaddalenaMaria è pronta a ricomporre l’idea di un femminile sacro e disegna nuovi confini di sé ripercorrendo il ricordo del dolore e delle pietre, ma anche di un amore denso e carnale, ricucendo lo strappo che ha diviso il corpo dallo Spirito, la donna da tutte le sue possibilità, l’essere umano dal divino. Maddalena piega il giudizio all’Amore, a quella fame – sacra e animale – di vivere!
Spettacolo vincitore del Premio del Pubblico, del Premio Confine Corpo e del Premio dei Tecnici al Festival Vd’A 2014.

26 aprile ore 18
L’inquietudine della bestia
scritto, diretto, interpretato da Ilaria Drago
voce e percussioni Danila Massimi
musiche e ambienti sonori Marco Guidi
danzatrice Alessandra Cristiani con le opere di Rossana Borzelli
Una performance rovente e sensuale fatta di assenze e presenze, di parole che intrecciano corpi e voci che cantano l’amore nelle sue infinite forme. È tratta dal libro di poesie edito da Nemapress, “la poesia di Ilaria è densa e compatta, abbagliante e sincera, fin troppo sincera, e ciò disturba, perché chi legge vorrebbe abbracci e carezze. Ilaria invece fa spalancare gli occhi e sanguinare il cuore, spalancare finestre e balconi e, proprio perché ha un sacro rispetto della persona, non veste di stracci i sentimenti, ma li dichiara, fino a farli diventare una spada che squarcia le carni, una urticante spina che fa dire sempre la verità.”Dante Maffia Il libro è vincitore del Premio Internazionale di Poesia Premio13 (Campidoglio 2013) e del Premio Internazionale di Poesia Roberto Farina 2014.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi