Noi siamo Francesco, oltre la disabilità.

Elena Sofia Ricci, Mauro Racanati, Gabriele Granito, Paolo Sassanelli, Mariolina De Fano, Cristiana Vaccaro, Diletta Acquaviva, Gelsomina Pascucci, Luigi Diberti, Luigia Caringella e Luciano Montrone sono gli amici che tutti vorrebbero.

noi siamo francescoProdotto da Arancia Cinema e distribuito da Microcinema, il 25 giugno 2015 arriva nelle sale ‘Noi siamo Francesco’, delicato e commovente racconto su un ragazzo che riesce a superare il suo handicap e a condurre pienamente la sua vita, anche grazie ad amici che tutti vorrebbero avere. Il film, che ricorda le atmosfere di classici come Forrest Gump, Il mio piede sinistro e The Sessions – Gli incontri, segna l’esordio alla regia di Guendalina Zampagni, ed è interpretato da un cast eterogeneo, formato da attori affermati e giovanissimi.

Il film, come racconta la regista, nasce dalle storie reali che ha ascoltato. “Attraverso testimonianze vere di ragazzi disabili, ho maturato questa storia. Anche le difficoltà che la madre del nostro film incontra nell’aiutare il figlio ad avere una vita intima autonoma e soddisfacente, sono tratte da testimonianze vere. Sono certa che questa storia sia piena di amore, vitalità e leggerezza, e con un po’ di presunzione ritengo che sia anche necessaria. L’ironia inaspettata dei disabili che ho incontrato, mi ha dato il coraggio e la certezza che, dopo il primo impatto di disagio, sarebbe stato semplicemente il ‘banale’ fatto che siamo tutti, qualsiasi sia la nostra condizione fisica, pieni delle stesse paure e degli stessi desideri. E che la storia di Francesco, il mio protagonista nato senza gli arti superiori, potrebbe essere benissimo quella di un ragazzo ‘normale’. In fondo, ho semplicemente raccontato una storia d’amore”.

L’attrice protagonista Elena Sofia Ricci conferma le parole della regista, sostenendo che “Guendalina Zampagni è riuscita a raccontare con naturalezza e con uno sguardo felice un tema così delicato e mi ha dato la possibilità di interpretare una madre sensibile, ma al tempo stesso forte nel suo difficile ruolo, un personaggio che non ha paura di sbagliare, di contraddirsi, di amare e proteggere il figlio, fino al limite di dimenticarsi di se stessa, di dimenticare di amarsi e proteggersi a sua volta”.

Francesco non ha ancora mai vissuto le gioie dell’amore, e questo, a oltre vent’anni, è ormai diventato un problema… ma, con l’aiuto dell’inseparabile amico Stefano, Francesco troverà la strada per vivere serenamente la sua prima volta, con l’intraprendenza che appartiene alla sua età e superando gli ostacoli, le paure e le insicurezze causate dalla sua disabilità.

Elena 4“Sono felice di aver preso parte a questo bellissimo progetto – afferma Elena Sofia Ricci – che tratta un argomento scomodo come la disabilità in maniera inconsueta, mettendo in luce gli aspetti più belli della storia d’amore del giovane protagonista. La regista, Guendalina Zampagni, è riuscita a raccontare con naturalezza e con uno sguardo felice un tema così delicato e mi ha dato la possibilità di interpretare una madre sensibile, ma al tempo stesso forte nel suo difficile ruolo, un personaggio che non ha paura di sbagliare, di contraddirsi, di amare e proteggere il figlio fino al limite di dimenticarsi di se stessa, di dimenticare di amarsi e proteggersi a sua volta. Guendalina è stata in grado di creare una bellissima atmosfera sul set, permettendo a tutti noi di lavorare al meglio ed entrare a pieno nella storia. Bravissimi tutti gli attori, anche i giovani esordienti. Insomma sono molto orgogliosa di aver fatto questo film e gli auguro un percorso importante, che gli permetta di diffondere il messaggio positivo che racchiude, perché questo “film italiano” e “indipendente”, fatto con amore, prima che con i soldi, è un vero gioiellino; e sono sicura che la storia di Francesco, da noi tanto amata, arriverà al cuore di tutti”.

Condividi questo articolo!

Commenti chiusi